Gestione di una palestra scolastica

Ultimo aggiornamento: 30.03.20

 

Consigli per ridurre al minimo incidenti e inconvenienti legati alla realizzazione di un campo da basket.  

 

La pratica sportiva all’interno di una struttura come una scuola è un aspetto essenziale nella vita di uno studente, così come per lo stesso istituto. È un momento di socializzazione e di scarico, grazie a cui lo studente ha la possibilità di muoversi e avvicinarsi a diverse discipline sportive, trovando magari la giusta attività da praticare e a cui dedicare alcune ore della settimana. Lo sport è una componente centrale per lo sviluppo e avere un ambiente circostante adatto può semplificare molto le cose.

 

Le problematicità

Di fronte alla domanda su come rendere sicuro un ambiente come la palestra di una scuola, è bene suddividere e considerare gli aspetti e gli ambiti dove si possono presentare rischi e difficoltà. Una volta risolte e analizzate certe incognite è infatti possibile prendere le misure preventive e agire in modo efficace e produttivo. Tra le eventualità con cui dover fare i conti troviamo la corretta gestione e manutenzione delle attrezzature, i rischi legati all’edificio stesso e i possibili inconvenienti di una organizzazione programmata superficialmente.

 

 

Per fare luce sulla prima questione è bene riferirsi alle circolari Ministeriali che trattano il tema. In quella numero 352/1983 si menzionano le caratteristiche tecniche che le attrezzature debbono possedere per essere considerate idonee. Le scale orizzontali se fisse devono essere tenute ben ferme grazie a staffe metalliche fissate al muro, ad un’altezza massima di 2,5 metri. Per il posizionamento e l’acquisto di una spalliera svedese si suggerisce un modello con l’asta superiore che sporge rispetto al resto, oppure con una doppia asta.

Per quel che riguarda la pallacanestro è bene scegliere un supporto di qualità, lasciando da parte un canestro da basket economico che rischia di rompersi e creare più danni del previsto. Il tabellone può essere fissato a una parete oppure essere dotato di un’infrastruttura apposita, fissata al meglio a terra con gli appositi sostegni a zavorrare il tutto. L’ideale sarebbe disporre di modelli collocati sul soffitto della palestra, così da poter gestire in un attimo altezza e collocazione.

 

La valutazione dei rischi

Per quel che concerne invece gli inconvenienti legati all’edificio, la questione si fa più complessa e in quel caso è opportuno rifarsi al Documento di Valutazione dei Rischi scolastico, seguendo con attenzione tutti quei punti e i controlli necessari per mettere in sicurezza un luogo. La presenza di vetri non antisfondamento,  di lampade non idonee al tipo di luogo e ai materiali utilizzati, così come controsoffitti non adeguatamente protetti, formano una parte delle criticità che vanno analizzate e risolte prima di aprire certi ambienti all’attività fisica. Una volta valutati i rischi è obbligatorio poi redigere un regolamento d’uso.

L’importanza di questo documento è essenziale, in quanto mette nero su bianco le norme che prevedono l’uso corretto e l’autorizzazione a usufruire di attrezzi e spazi.

La regolamentazione riguarda il controllo e la verifica periodica degli ambienti, l’abbigliamento adatto a svolgere una determinata attività e tutto ciò che è consentito e vietato. La palestra poi non è solo la zona ricreativa o di gioco, ma comprende e include anche i bagni e gli spogliatoi, ambienti in cui è opportuno verificare la pulizia mantenendo sempre alto il livello di igiene e la protezione degli effetti personali degli studenti.

Un altro punto che spesso passa in secondo piano è quello dell’uso extrascolastico riservato alla palestra.

 

 

Capita spesso infatti che negli orari pomeridiani la palestra venga concessa o affittata a squadre che si allenano o a gruppi sportivi differenti. Anche in questo caso è opportuno regolamentare l’uso della palestra, seguendo delle direttive e una gestione per cui il buono che si mantiene durante l’orario scolastico prosegua anche nell’extra.

Deposito e conservazione dei materiali e attrezzi, dai palloni passando per i materassi o le porte mobili, chiudono questa breve analisi sulla complessità e importanza di un controllo attento e vigile sulla sicurezza di una palestra. In queste righe abbiamo voluto solo indicare alcuni punti, senza entrare nel tecnico o in questioni burocratiche.

Un punto fermo però c’è e vogliamo ribadirlo: è sempre opportuno verificare e passare al setaccio che tutto funzioni per il meglio, consentendo uno svolgimento sereno di tutte le attività previste all’interno di una palestra.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di