Le scarpe da tennis come icona pop

Ultimo aggiornamento: 14.11.19

 

L’evoluzione che le ha rese da un elemento di un abbigliamento sportivo a calzature senza tempo per bambini e adulti.

 

Il tennis è uno sport molto antico e alcuni lo fanno risalire addirittura al Medioevo in una forma molto primitiva rispetto a quella attuale. Lo sport che oggigiorno conosciamo tutti, però, nacque alla fine del 1800 a Londra a opera di un membro delle forze militari inglesi. Il tennis è sicuramente un’attività affascinante che non ha un seguito di folle oceaniche come il calcio ma che comunque riesce ad attirare molti spettatori durante i tornei più famosi come quello di Wimbledon istituito nel 1877.

L’abbigliamento per il tennis è una delle caratteristiche più interessanti, si tratta infatti di uno dei pochi sport in cui a eccezione di racchetta e palline non sono richiesti attrezzi o abbigliamento specifici e forse questo è uno dei fattori principali per cui i capi di vestiario pensati dalle grandi aziende possono essere usati comodamente anche nella vita quotidiana e non necessariamente per praticare lo sport. L’esempio lampante sono proprio le scarpe da tennis, così comode e ben realizzate da divenire popolari anche al di fuori del circuito sportivo.

Guardandosi attorno è possibile vedere una gran quantità di persone, provenienti da ogni fascia d’età, indossare le scarpe da tennis, oggi chiamate anche sneakers e il motivo principale è sicuramente la loro comodità. Sul campo da tennis è necessario muoversi con velocità per intercettare la palla lanciata dall’avversario e non bisogna solo avere riflessi pronti ma anche un paio di scarpe che riescano a reggere il passo, senza rovinarsi facilmente e garantendo un’ottima trazione e stabilità.

Tali caratteristiche, trasposte nella vita quotidiana e nelle semplici passeggiate offrono una comodità che normali scarpe non riescono a garantire, non è raro dunque che vengano utilizzate anche in situazioni formali grazie all’impegno delle aziende che forniscono scarpe per ogni occasione.

Le sneaker non sono solo roba da ragazzini o sportivi, quindi, ma potete tranquillamente trovarle ai piedi di colleghi, anziani e qualsiasi persona incontriate per strada, segno che il capo d’abbigliamento ha ormai spopolato ed è divenuto affare comune, assurgendo al ruolo di icona pop.

 

Lo stile dei campioni

I tennisti veterani hanno sempre lanciato mode, senza scomodare il più recente Rafael Nadal, campione spagnolo in canotta e calzoncini a pinocchietto o il più sobrio Roger Federer, già negli anni ’80 i vari Borg e McEnroe avevano uno stile chiaramente riconoscibile imitato dai fan e dagli appassionati di tennis.

 

 

L’americano Andre Agassi, completamente agli antipodi, giocava utilizzando addirittura jeans corti, sfoggiando occhiali da sole e una capigliatura da vera e propria rock star, segno degli incombenti anni ’90 che avrebbero basato i propri stili proprio su queste premesse.

Se i capi di vestiario cambiano, in base alla comodità personale e al look che si vuole sfoggiare, le scarpe restano un punto saldo e devono essere necessariamente studiate alla perfezione, soprattutto per chi le usa davvero come strumento sportivo.

 

Come scegliere un paio di scarpe da tennis?

Se lo stile dei tennisti vi ha ispirato e volete provare a sfoggiare un look ardito o semplicemente avete bisogno di nuove scarpe da tennis, abbiamo i consigli giusti che fanno al caso vostro. Innanzitutto stabilite se le scarpe vi serviranno davvero per giocare a tennis o volete sfoggiare un paio di sneakers da passeggio. Non cambia infatti solo il design ma anche il costo e l’accortezza nell’utilizzo dei materiali. Per i primi bisogna poi decidere quale sia la stagione in cui utilizzarle e quali sono i campi su cui praticherete l’attività.

Le scarpe estive e quelle invernali differiscono enormemente per materiali utilizzati che possono o meno garantire l’impermeabilità e una maggiore traspirabilità. Il terreno su cui giocherete è il secondo elemento da valutare poiché nel tennis esistono tre tipologie di campi principali: quelli in terra rossa, quelli in erba e quelli in cemento. I primi hanno una durezza media e necessitano di scarpe con suole che abbiano scanalature a spina di pesce. Queste fanno in modo che la terra fuoriesca e non lasciano segni sul campo.

Per i campi in erba la suola più popolare è quella liscia, perfetta sull’erba bagnata e che non rallenta il passo o lo scatto per ricevere la battuta avversaria. I campi in cemento, infine, sono quelli più duri, per evitare colpi al tallone e ad altre parti del piede è necessario scegliere un paio di scarpe ben ammortizzate con suola a metà tra quella liscia e quella a spina di pesce.

Non bisogna poi dimenticare che in quanto scarpa deve avere anche tutte le comodità proprie delle calzature, come una corretta aerazione del piede per evitare ristagni di sudore, suoletta interna che riduca lo sfregamento e tenga il piede ben fermo oltre che una protezione per le caviglie, sottoposte a sollecitazioni estreme durante una partita di tennis.

 

 

Sneakers da passeggio

Per chi non ha velleità agonistiche, invece, la scelta della scarpa è molto più semplice, basta badare al comfort di utilizzo e al design. Quest’ultimo dettaglio è divenuto una vera ossessione per fashion blogger e influencer, sempre alla ricerca del pezzo più esclusivo o il più originale. La scarpa da tennis (ecco i migliori modelli) è stata sdoganata ormai come calzatura per tutti, i produttori quindi cercano di crearne sempre di più particolari, magari in edizioni limitate con costi proibitivi.

I cacciatori di rarità però non si fanno scoraggiare e sono ben lieti di spendere i propri risparmi per un prodotto in tiratura limitata. Non solo Gucci, Prada e brand di alta moda ma anche Nike, Puma e Adidas si sono abituate a questo trend, realizzando scarpe da tennis in collaborazione con sportivi, artisti, altri brand e così via.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...