Spostarsi in camper. Nuove tendenze del turismo 2020

Ultimo aggiornamento: 21.01.20

 

L’onda che ha coinvolto viaggiatori e mezzi di trasporto vede un rilancio e una riscoperta del camper e dei van.

 

La possibilità di gestire una vacanza affidandosi a un mezzo a quattro ruote come il camper, sta lentamente prendendo piede tra i giovani, riuscendo a convincere una fetta consistente di pubblico. Questo quanto confermato da alcuni studi e tendenze per questo 2020. Di seguito alcuni aspetti interessanti legati a questo nuovo trend, capace di svilupparsi nel tempo coinvolgendo anche le giovani generazioni.

 

Comodità e spostamenti

Oltre al campeggio e ai viaggi sulle due ruote o ai mitici interrail, una nuova categoria di viaggiatori sta lentamente apprezzando il piacere di affittare un camper o un van per dar vita a spostamenti insieme a parenti o amici. Dagli studi di settore si nota infatti la tendenza a viaggi più brevi, concentrati in un weekend o massimo in tre giorni.

Si vede dunque come le distanze percorse e la necessità di un alloggio comodo possano unirsi e combaciare, puntando in maniera efficace su un mezzo che ha qualcosa dell’abitazione mobile e altre caratteristiche tipiche di un veicolo a quattro ruote.

In questa ottica emergono dunque bisogni e necessità legate sia al risparmio sia alla convivialità, gestendo anche aspetti come il pranzo e la cena, riunendo tutto nello stesso spazio. Alternarsi alla guida e poter schiacciare un pisolino nella zona posteriore del mezzo, questi alcuni degli elementi che hanno fatto guadagnare nel tempo al camper un posto nel cuore dei viaggiatori di tutte le età.

 

 

Camper o van?

La scelta dipende anche in questo caso dalle vostre aspettative come viaggiatore e dal gruppo che volete portarvi dietro. A questo proposito è bene segnalare la differenza tra i due modelli. Quando si parla di van il primo aspetto su cui soffermarsi è infatti quello legato alla struttura e alla scocca del mezzo. In questo caso infatti lo scheletro e l’intelaiatura son quelli di un furgone.

Fatta questa prima premessa è bene capire e mettere sulla bilancia due fondamentali che in ogni viaggio si presentano. Comodità e ingombro. Maggiore saranno le dimensioni del mezzo, probabilmente più vi trovere comodi, specialmente se siete in tre a viaggiare. Viceversa chi guarda alla compattezza dovrà fare i conti con la questione comodità, affinando e affidandosi a un certo spirito di adattamento che comunque è essenziale nel viaggiatore. Alcuni installano nella parte superiore del van una zona letto, gestendo in tal modo la questione riposo.

Per quel che riguarda poi la scelta del camper si parla in quel caso di un veicolo pensato per il trasporto di un piccolo nucleo familiare, la cui lunghezza massima non supera quasi mai i sei metri. Si identificano per la parte superiore bombata, studiata per il posizionamento della mansarda, da cui il nome con cui vengono spesso identificati: camper mansardati. Entrare in un mezzo del genere presenta pregi e difetti di cui è importante essere a conoscenza prima di mettersi alla guida. L’abitabilità e numerosi comfort sono il punto forte di questo mezzo, con una cucina, un bagno, una zona dove riposare e distendersi nel corso del tragitto nonché lo spazio per avere a disposizione mezzi da utilizzare una volta arrivati, come per esempio un paio di bici pieghevoli.

Di contro, le dimensioni non sempre giocano a favore del mezzo, specie al momento di trovare parcheggio o nel passaggio attraverso strade a carreggiata ridotta fuori città.

 

 

Vanlife e affitto mezzi

Sembra dunque chiaro che, ora come negli anni passati, la scelta di un mezzo come il van o il camper riscuote ancora un certo successo. Tra gli aspetti più interessanti di questa nuova van experience figura da un lato l’età media, con l’inclusione di giovani e meno giovani verso questo tipo di esperienza mentre dall’altro si nota una tendenza a sfruttare anche le nuove modalità di affitto e gestione di un camper.

È la formula promossa dal sito Yescapa, un sistema nato per connettere i diversi possesori di van e camper scambiandosi i mezzi così da variare e allargare il giro dei viaggi su questo mezzo, sfruttando un sistema di iscrizione pratico e con recensioni e commenti così da creare un filtro e una sorta di reputazione tra i vari camperisti.

L’idea di creare una piattaforma di “camper sharing” si sposa al meglio con i bisogni e le necessità di quegli utenti che cercano un prodotto a portata di mano, con un costo inferiore legato al sistema di condivisione del mezzo che nulla toglie al piacere della scoperta e alla visita di nuove mete e paesaggi. Grazie alla tecnologia e all’idea di alcuni camperisti e viaggiatori nascono di continuo nuove realtà e proposte, dallo sharing all’acquisto di mezzi nuovi e usati.

Le stesse case automobilistiche si mobilitano in tal senso, adattando e creando furgoni personalizzati così da soddisfare il senso di avventura e il desiderio di esplorare dei tanti travellers sparsi nel mondo.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...