Le 8 migliori fasce cardio Garmin del 2020

Ultimo aggiornamento: 07.04.20

 

Fascia cardio Garmin – Guida all’acquisto, Opinioni e Confronti

 

Durante una corsa o un allenamento, disporre dello strumento adatto con cui gestire e tenere sotto osservazione la frequenza cardiaca migliora di molto la raccolta di dati legati al battito e alla capacità di recupero dell’utente. Tra i maggiori produttori Garmin si è ritagliata negli anni una posizione importante, motivo per cui questa guida si andrà a concentrare sulle proposte di questo brand sul fronte delle fasce cardio. Tra i modelli che ci hanno convinto di più troviamo Garmin HRM-Dual – Fascia Cardio Premium. Tra i top di gamma della categoria, si è dimostrata una soluzione perfetta per chi cerca una lettura precisa e puntuale del battito, anche grazie alla tecnologia ANT+ e al protocollo Bluetooth. L’utente può così allenarsi sia all’aperto sia in strutture al chiuso, oppure sfruttare anche una buona connessione on line per salvare tutte le informazioni legate alla sessione appena conclusa. Onlydroid – HRM-Run Fascia Cardio con fascia toracica è un esempio di un produttore diverso che ha pensato a un supporto dotato di grande compatibilità con orologi e sistemi di tracciamento Garmin. Ridotto consumo energetico, insieme a una fascia posizionabile senza difficoltà intorno alla vita. Queste le specifiche principali su cui si gioca la partita per la migliore fascia cardio.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori fasce cardio Garmin – Classifica 2020

 

 

Fascia cardio Garmin Premium

 

1. Garmin HRM-Dual – Fascia Cardio Premium

 

Considerata tra le migliori fasce cardio Garmin del 2020, il modello HRM-Dual possiede un’eccellente indossabilità, grazie a una fascia che si mantiene elastica e che all’occorrenza può anche essere lavata. Il peso di 54,4 g non crea ingombro durante l’allenamento. 

Il modulo centrale si posiziona sulla fascia, donandole un’ottima stabilità una volta che questa viene posizionata sotto il torace.

La batteria di questa Garmin Premium ha una durata media di 3 anni, un periodo decisamente lungo per chi svolge un’attività con una frequenza di un’ora al giorno. Con la rete di sensori senza fili ANT+, una tecnologia proprietaria, si ottiene una lettura precisa dei dati cardio, così da avere un supporto e una corretta visualizzazione delle informazioni legate alla frequenza. 

Sul fronte della versatilità, la compatibilità con il sistema wireless e e il protocollo Bluetooth, aggiungono e ampliano lo spettro delle possibilità. All’utente la scelta di optare per un tipo di collegamento o per un altro, adattandosi all’ambiente scelto in cui ci si allena.

 

Pro

Materiali: Una fascia elastica robusta, con un modulo centrale progettato con cura e un insieme di elettrodi che registrano e monitorano al meglio battiti e frequenza.

Impostazioni: Le gestione delle connessioni e il pairing tra il modulo centrale e i dispositivi wireless procede spedito e senza intoppi.

Connettività: Grazie al protocollo proprietario Ant+ e al sistema Bluetooth le possibilità di una perdita di segnale sono ridotte al minimo.

 

Contro

Apertura: Il sistema studiato per aprire e chiudere la fascia andrebbe migliorato, così da avere una tenuta maggiore e garantire una maggior sicurezza durante l’allenamento.

Acquista su Amazon.it (€59,49)

 

 

 

Fascia cardio compatibile Garmin

 

2. Onlydroid – HRM-Run Fascia Cardio con fascia toracica

 

Con i suoi 55 g la fascia cardio HRM-Run rientra tra i consigli d’acquisto che ci sentiamo di proporre in questa guida. Si osserva qui un oggetto in cui il design e la funzionalità vanno di pari passo, con il doppio sistema di collegamento disponibile che sfrutta sia il canale Bluetooth sia il sistema senza fili di Garmin Ant+.

Il design e la linea scelta per questa fascia compatibile Garmin premiano l’indossabilità, grazie a una buona elasticità, e l’igiene, visto che può facilmente essere lavata dopo l’allenamento. La batteria interna non ha bisogno di essere caricata e va a supportare l’attività sportiva per un totale di 300 ore di corsa monitorate con il massimo livello di attenzione.

L’indice di protezione è IP67, ottimo sia contro l’intrusione della polvere sia contro l’ingresso di gocce d’acqua e altri liquidi che potrebbero pregiudicare il corretto funzionamento. 

Un altro aspetto che è piaciuto molto agli utenti, è quello legato alla grande compatibilità della fascia con i maggiori sistemi e app sportive, quali Strava, Runtastic e Runkeeper. 

In questo modo si possono creare profili specifici molto dettagliati, con l’aggiunta anche del dei dati relativi a battito e frequenza, così da avere una fascia cardio compatibile Garmin pronta all’uso.

 

Pro

Praticità: Il sistema di gestione e impostazione del dispositivo passa attraverso una modalità user friendly accessibile ai più.

Comfort: Una volta indossata, la fascia cardio si mantiene al suo posto e non crea problemi nel corso della sessione.

Convenienza: La spesa richiesta per l’acquisto di questa fascia cardio rispetto ad altri prodotti simili trova un giusto equilibrio tra prezzo finale e prestazioni.

 

Contro

Gancio: Il sistema di fissaggio nella zona posteriore andrebbe cambiato, così da creare meno problemi a chi soffre della scomodità una volta collocato dietro la schiena.

Acquista su Amazon.it (€42,99)

 

 

 

Fascia cardio Garmin HRM-Run

 

3. Garmin HRM-Run Fascia Cardio

 

A un primo sguardo si potrebbe pensare che Garmin HRM-Run sia una versione light del modello Dual. In realtà sia a livello di design sia come funzionalità questo secondo modello ha da dire la sua e lo fa dimostrando anche un certo carattere.Nello specifico sono le dinamiche di corsa il punto forte di questa fascia cardio. 

L’azienda ha riservato sempre la solita cura e attenzione per i dettagli, con un sistema di apertura e chiusura della fascia e un modulo di controllo che mantiene sotto costante osservazione i parametri legati a battito e frequenza. È qui che si vede come si amplia l’offerta, in comparazione con altri dispositivi analoghi. 

La fascia cardio Garmin HRM-Run monitora anche la cadenza dei passi, con in più anche l’oscillazione verticale che si realizza mentre si corre. Altre opzioni prevedono poi il calcolo del tempo che il piede viene a contatto con il terreno su cui si corre, con un’indicazione che guarda anche al bilanciamento del piede.

 

Pro

Impostazioni: Numerose le funzionalità offerte dal dispositivo, con un supporto che va oltre il semplice dato statistico sulle pulsazione e lo arricchisce con le metriche di corsa dettagliate.

Indossabilità: Una volta stretta intorno al torace, la fascia si mantiene in posizione, senza un ingombro spiacevole per l’utente.

Funzioni: Il calcolo della cadenza dei passi, così come il sistema che monitora il bilanciamento del piede che tocca terra. Queste alcune delle qualità principali dell’oggetto Garmin.

 

Contro

Colla: Diverse persone hanno espresso delle perplessità sul sistema di fissaggio delle parti fisse, così come per gli elettrodi che si occupano di monitorare il battito. Questo perché la colla utilizzata non regge al meglio al passare del tempo.

Acquista su Amazon.it (€81)

 

 

 

Fascia cardio Garmin HRM-Tri

 

4. Garmin HRM-Tri Fascia Cardio

 

Tra i prodotti venduti on line, la fascia cardio Garmin HRM-Tri nasce con lo scopo preciso di dare il meglio a chi si dedica a tre discipline sportive molto diverse tra loro. Triatleti con il desiderio di tenere sempre sotto osservazione il battito cardiaco, fondamentale quando si parla di sport così intensi. 

L’heart rate monitor che monta il dispositivo è tra i più leggeri presenti sul mercato, mentre tiene sotto osservazione tutti i parametri al momento della corsa, come la cadenza dei passi e il bilanciamento del peso a seconda di come viene collocato il piede. 

La gestione dei dati e del sistema che si occupa di registrare il battito non interrompe la sua attività quando si passa da una corsa a una nuotata, così da avere una linea continua che segue e tutta l’attività sportiva in corso. La quantità di dati memorizzabili arriva a 20 ore, con i bordi arrotondati così da non creare alcun fastidio all’utente.

 

Pro

Versatilità: L’oggetto ha dalla sua la capacità di supportare e seguire l’atleta lungo tutto il corso dell’attività. Da una parte si adatta a tre diverse discipline e comunica a dovere anche con gli altri dispositivi Garmin.

Stile: L’ergonomia e la forma pensata per questo oggetto sposano una linea in cui comodità e funzionalità vanno di pari passo. 

Praticità: Il sistema di utilizzo e la manutenzione dell’oggetto sono semplici, con la possibilità di lavare senza problemi il Garmin dopo ogni allenamento.

 

Contro

Fissaggio: Nel caso del nuoto è necessario stringere molto la fascia cardio, così da non rischiare che si abbassi nel momento in cui si aumenta la potenza e lo sforzo in vasca.

Acquista su Amazon.it (€99,99)

 

 

 

Fascia cardio Garmin standard

 

5. Garmin Fascia Cardio Wireless Standard

 

Tra i modelli base questa fascia si lascia apprezzare per la buona capacità di trasmissione che si appoggia agli altri dispositivi Garmin, così da comunicare in tempo reale e con una grande precisione. Tra i migliori del 2020, è realizzato in plastica flessibile, con un cinturino nella zona posteriore con cui bloccare la fascia al petto.

Una volta collegato al dispositivo, il modulo per la registrazione della frequenza e del battito salva l’elemento così da velocizzare il pairing per le volte successive. Tra le funzioni disponibili è presente il calcolo calorico in base ai dati cardio raccolti, i tempi di recupero, utili per monitorare nel tempo la progressione e i miglioramento e infine il Training Effect.

Si tratta di un programma che calcola l’impatto della sessione di allenamento svolta sul fronte aerobico e anaerobico. Molto ridotto il consumo di energia richiesto da questa fascia Garmin standard, con una raccolta dati che dai pareri degli utenti risulta sempre precisa e senza interruzioni o picchi anomali.

 

Pro

Metriche: La lettura dei dati e le informazioni raccolte dal dispositivo sono precise e puntuali, così che l’utente non ha dubbi sullo stato dell’allenamento.

Collegamenti: Attraverso il sistema Ant+ e il collegamento wireless si raccolgono dati sfruttando protocolli e sistemi senza fili, pratici e affidabili.

Robustezza: Il materiale in plastica dura, copre e sistema al meglio il modulo nella zona del torace, con la possibilità di lavare senza troppi patemi d’animo.

 

Contro

Rigidità: Non tutti gli utenti hanno gradito il materiale plastico che compone la fascia, preferendo invece la tipologia in tessuto elastico dei modelli successivi.

Acquista su Amazon.it (€119,98)

 

 

 

Fascia cardio Garmin SS3

 

6. Garmin Cintura Cardio SS3

 

Il modello qui proposto fa parte della dotazione di una fascia cardio, con la differenza che in questo caso il supporto Garmin SS3 è costituito principalmente dalla fascia, senza il trasmettitore.

Questo perché diversi utenti vogliono avere una seconda soluzione a cui affidarsi nel momento in cui quella in dotazione è ad asciugare o si è consumata troppo nel tempo.

Nella zona centrale è presente il sistema di aggancio e posizionamento del modulo trasmettitore, che si blocca in modo semplice ed affidabile. 

La lunghezza arriva a 14 cm e possiede una grande compatibilità con diversi sensori Garmin. Avvolge il corpo dell’utente in modo stabile e con il massimo della tenuta, un mix interessante in cui l’elasticità delle parti e il marchio della casa madre si dimostrano efficaci e adatti agli sportivi più esigenti.

 

Pro

Gestione: Indossare e fissare al corpo la fascia cardio non richiede particolari manovre. Un modo in più per dedicarsi subito all’allenamento.

Regolazioni: La fascia si sistema semplicemente intorno alla vita, con la zona del torace protetta e il sensore ben assicurato.

Compatibilità: Numerosi i dispositivi Garmin compatibili con questa fascia, così che l’utente può scegliere come e quando cambiare supporto senza temere incompatibilità con il sensore.

 

Contro

Resistenza: Dai pareri di chi pratica con continuità l’attività sportiva è emersa una tendenza di questa fascia ad aprirsi nella parte sul lato, una nota negativa che ne pregiudica l’utilità.

Acquista su Amazon.it (€40)

 

 

 

Fascia cardio Garmin Swim

 

7. Garmin HRM-Swim Fascia Cardio per Nuoto

 

Capire quale fascia cardio Garmin comprare non è poi così scontato. Per chi pratica un’attività come il nuoto l’azienda statunitense ha creato un prodotto ad hoc. Si tratta di una fascia cardio Garmin swim, progettata con l’intenzione di fornire le migliori informazioni e supporto ai nuotatori.

Lo strap che la caratterizza si mantiene ben collocato al suo posto ed è stato pensato per quanti si tuffano e nuotano anche a una certa velocità. Il sensore non perde un colpo e si collega in un attimo agli altri dispositivi compatibili Garmin. 

Il nuovo modello HRM-Swim è pensato per chi ama la piscina come per chi si dedica a un’attività come il triathlon, così da unire anche attività diverse come il ciclismo e la corsa. 

Il design antiscivolo tiene ben collocata la fascia, anche nel momento della virata, con il sistema Ant+ che trasmette wireless tutti i dati e le informazioni sensibili sulla sessione in corso.

 

Pro

Impostazione: La linea e la tipologia di fascia devono il loro nome a una precisa scelta di campo. L’oggetto infatti si dimostra molto utile per tutte le attività di tipo natatorio.

Materiali: Un sistema collaudato si occupa di tenere ben fissata la fascia, così da adattarsi alla diversa corporatura fisica senza rischio di cadute.

Trasmissione dati: Il sistema proprietario ANT+ monitora e trasmette le informazioni su battito, frequenza e prestazioni in modo continuo e preciso.

 

Contro

Altri usi: Si lamenta una certa scomodità della fascia nel caso in cui venga utilizzata in un contesto diverso da quello acquatico, come per esempio durante una corsa. Lo sfregamento sulla pelle potrebbe dar problemi ai più sensibili.

Acquista su Amazon.it (€83,45)

 

 

 

Fascia cardio Garmin rossa

 

8. Goshopping 24 – Fascia di ricambio per il petto rossa

 

Tra i diversi modelli presenti, la fascia di ricambio rossa, ha dalla sua diversi aspetti positivi di cui è bene tener conto. In prima istanza si collega a diversi sensori Garmin, motivo per cui non è complicato poter installare o sostituire la vecchia fascia con un modello nuovo. La fascia elastica poi si regola con semplicità, con una variazione che oscilla tra i 63 cm e gli 83 cm, a seconda della corporatura e della struttura di chi la indossa.

Il tessuto è comodo e si adatta bene alla persona, con un supporto e una modalità di gestione quanto mai user friendly. Viene poi utilizzato lo stesso bottone per il fissaggio del sensore, così da non avere problemi con il passaggio da una fascia all’altra e con il sistema di blocco e sblocco del modulo per la raccolta dei dati.

Il range delle taglie oscilla da M fino a XXL, con un sistema di regolazione che punta ad essere il più pratico e semplice possibile, specie nella fase legata alla compatibilità con diversi modelli Garmin.

 

Pro

Versatilità: Il sistema pensato e progettato per tenere ben fissata la fascia toracica, lavora in modo efficace, portando così a casa il risultato per chi vuole avere un supporto extra.

Tenuta: Lo strap inserito e lo spazio dedicato al posizionamento della fascia reggono bene durante le diverse sessioni di allenamento, così che l’utente possa procedere in modo continuativo.

Rapporto qualità/prezzo: La spesa richiesta per l’acquisto di questo nuovo oggetto, così come la resa una volta inserito, dimostrano la bontà del prodotto e l’equilibrio tra investimento e risultati.

 

Contro

Colorazioni: Il numero e la tipologia di colori disponibili non ha incontrato il favore di chi puntava a una maggiore varietà su questo tema.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una fascia cardio Garmin

 

La scelta di un dispositivo con cui tenere traccia dei battiti e della frequenza cardiaca a marchio Garmin coprono una vasta gamma di proposte. Per questo pensiamo sia utile proporre alcune linee guida così da migliorare l’esperienza e scegliere in maniera autonoma e soddisfacente.

A ognuno la sua fascia cardio

Essenzialmente il compito primario richiesto a un oggetto del genere è quello legato al calcolo e a una misurazione corretta delle pulsazioni cardiache. Per ogni sportivo è infatti importante che questo parametro venga monitorato in maniera continuativa e con il minor numero di oscillazioni presenti. A tal proposito è bene quindi individuare la fascia cardio adatta. 

Ci sono per fortuna modelli pensati apposta per chi svolge un’attività come il nuoto e altri che invece vanno benissimo per sport diversi come la corsa e il ciclismo. Le differenze riscontrate vanno a toccare principalmente la tipologia di fascia su cui è montato il sensore e la resistenza dello stesso.

In alcuni modelli pensati per chi si dedica assiduamente al nuoto, il sistema di chiusura della fascia regge bene anche nel caso di virate a fine vasca, oppure nel momento in cui ci si tuffa, senza perdere il contatto e la misurazione che si desidera.

Alcune altre tipologie di fascia cardio aiutano a calcolare fattori importanti decisivi per chi pratica un’attività a livello professionale, come il calcolo delle bracciate oppure info sul bilanciamento del peso ogni volta che il piede del corridore tocca terra. Una volta capito ciò che il modello è in grado di fare si può così puntare alla tipologia che si ritiene più adatta, senza così procedere all’acquisto di un supporto sovradimensionato per costo e funzionalità.

 

Connettività

Il tipo di protocollo con cui il sensore trasmette le informazioni è un altro fattore di cui tenere conto al momento della scelta. Tra i supporti maggiormente utilizzati da Garmin troviamo il sistema ANT+. Si tratta di una rete senza fili pensata e progettata dalla stessa azienda statunitense, che ne ha ereditato anche il brevetto. In pratica consente al sensore posto sulla fascia cardio Garmin di comunicare in maniera agevole con altri dispositivi, agendo su una frequenza ISM a 2.4 GHz. 

In alternativa molti sensori gestiscono anche il protocollo Bluetooth, così da avere un altro canale su cui muoversi e con cui poter impostare la condivisione e il passaggio dei dati. I modelli Garmin più venduti hanno uno o entrambi i supporti, così da poter essere collegati senza difficoltà agli orologi del marchio e impostare al meglio tutte le diverse fasi e il processo di sincronizzazione e raccolta degli esiti della performance.

Indossabilità e comfort

Nel tempo il marchio Garmin ha saputo migliorare e ottimizzare la forma della fascia elastica, con una tipologia in grado di adattarsi e strutturarsi in base allo sport e all’attività praticata. Dalle prime forme in plastica dura si è poi passati ad alternative in tessuto elastico. 

Si trovano estimatori su entrambi i fronti con chi preferisce magari un comfort leggermente inferiore a cui però corrisponde una migliore tenuta e un rischio ridotto che il supporto scivoli e si perda così il collegamento con il sensore. Per alcuni sportivi la tenuta e il mantenimento della posizione, sono elementi centrali che giustificano anche una spesa leggermente superiore per il modello più aggiornato.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona la fascia cardio Garmin?

La fascia cardio si compone di un sensore al cui interno vengono raccolti e trasmessi i dati legati alla frequenza cardiaca. Alcuni elettrodi sono sistemati lungo la fascia e a loro spetta il compito di ricevere e trasformare il segnale elettrico emesso dal cuore in una serie di numeri e dati che vengono poi trasmessi sfruttando il protocollo Bluetooth o il sistema proprietario di Garmin Ant+.

 

Come resettare la fascia cardio Garmin?

In alcuni casi è possibile che il dispositivo non funzioni come si deve o si blocchi. Per questo Garmin ha previsto la possibilità di resettarlo. È sufficiente la pressione continuata del simbolo che rappresenta la forma di una lampadina per un tempo di 25 secondi. In questo modo si attiva la funzione di reset. Da quel momento basta la pressione successiva dello stesso tasto per accendere nuovamente la fascia cardio.

 

Come associare la fascia cardio Garmin?

Per prima cosa è necessario indossare la fascia, bisogna poi posizionare il sensore della fascia a una distanza massima di tre metri da un dispositivo con funzionamento ANT+. 

Una volta selezionato il tasto Azione, si passa al tasto Impostazione e si sceglie la voce Sensore Ant. Si clicca poi sulla voce Ricerca dando così il tempo al supporto di verificare il collegamento e dare quindi il via al pairing tra i due elementi.

 

Come lavare la fascio cardio Garmin?

Al termine di un allenamento o di una sessione con la fascia, per prima cosa vi suggeriamo di rimuovere il sensore dalla stessa e metterlo da parte. Un accumulo eccessivo di sudore sulla fascia potrebbe ostacolare la raccolta e il buon funzionamento degli elettrodi presenti sul supporto. 

La fascia elastica dovrebbe essere sciacquata dopo ogni utilizzo e lavata a mano o in lavatrice dopo un massimo di sette sessioni di allenamento. Si può procedere a un lavaggio della stessa sia in lavatrice, con una temperatura massima di 40 gradi, sia a mano.

 

 

 

Come utilizzare al meglio la fascia cardio Garmin 

 

Per avere risultati soddisfacenti è bene comprendere come si struttura e quali dati una fascia e un sensore cardio si occupano di raccogliere. Per questo abbiamo inserito nelle righe qui sotto alcuni consigli e spunti per quanti che una volta capito come scegliere una buona fascia cardio Garmin, vogliono beneficiare di tutte le sue funzioni. 

La scelta della misura

Come con un vestito, alcuni modelli di fascia cardio dispongono di taglie adatte a un tipo o a una corporatura differente. L’ideale è quindi informarsi per tempo e capire se la fascia che si è scelta risponde a quelle specifiche che ci sono utili. Alcuni tipi di fascia possiedono una struttura elastica, così che riescono ad adattarsi al meglio a misure e conformazioni fisiche che variano molto tra loro.

 

Robustezza e funzionalità

Verificate sempre il grado di resistenza e se il sensore e la fascia cardio scelti sono stati progettati con l’intento di essere utilizzati in contesti diversi. Non tutti i sensori cardio infatti possono essere utilizzati in acqua o hanno un design e informazioni raccolte pensate specificamente per chi pratica attività natatoria. A seconda dell’attività sportiva scelta e del vostro bisogno vi potete indirizzare su una tipologia di fascia alta o su un modello più economico ma che esaudisce i vostri desideri.

La corretta manutenzione

La cura di un oggetto del genere deve tenere conto di aspetti e situazioni diverse. L’ideale è entrare nell’ordine di idee per cui sensore e fascia vanno tenuti nelle migliori condizioni. Per quel che riguarda il primo evitare urti e cadute è la prima e fondamentale raccomandazione. 

Al suo interno trovano posto un sistema di ricezione e trasmissione preciso e delicato, motivo per cui a fine attività riporlo al sicuro è una saggia scelta. Anche la fascia necessita di supporto, dal momento che viene a stretto contatto con l’utente e per sua stessa natura assorbe sudore e sporco. La pulizia e l’eliminazione della polvere, aiuta i tessuti a mentenersi elastici quanto basta, con un lavaggio serio che deve avvenire almeno dopo sette uscite.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di