I 5 Migliori Acquascooter del 2022

Ultimo aggiornamento: 07.07.22

 

Acquascooter – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

Abbiamo preparato una guida che riteniamo possa essere di grande interesse a chi ama il mare, nuotare e in particolare le immersioni. Soprattutto per esplorare i fondali, anche a modeste profondità per mero diletto e percorrere aree ampie con una certa velocità, si può fare ricorso all’acquascooter. Ma probabilmente è proprio ciò che state cercando e per questo siete capitati sulla nostra pagina. Magari ne avete sentito parlare o addirittura visto adoperare in qualche film e vi è venuta la voglia di possederne uno. Vi capiamo, questi aggeggi sono intriganti e sicuramente divertenti. Insomma, avete una voglia matta di farci un giro. Il problema è che non ne sapete molto e il timore di fare un acquisto sbagliato c’è. Allora affidatevi a noi, vi presenteremo una serie di modelli come questi due che vi anticipiamo: il Geneinno Trident è leggero, compatto e veloce ma, se vi piace nuotare in profondità, allora scegliete lo Yamaha 220Li che scende fino a 30 metri.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 5 Migliori Acquascooter – Classifica 2022

 

Vogliamo invitarvi a prendere visione della nostra classifica; per ogni acquascooter abbiamo scritto una recensione avvalendoci dell’esperienza personale di altri consumatori come voi che hanno reso pubblici i loro pareri. Per chi fosse interessato a sapere dove acquistare gli articoli della nostra selezione, c’è un link di riferimento. Leggete tutto con attenzione e confrontate i prezzi.

 

 

Acquascooter elettrico

 

1. Geneinno Trident Scooter Subacqueo Motorino di Immersione

 

L’acquascooter elettrico Trident ci ha piacevolmente impressionato. Ma facciamola breve e prima di presentarvi alcune delle sua caratteristiche più importanti, togliamoci subito il dente: costa un bel po’ di soldi. Finite qui le cattive notizie, andiamo alla scoperta di questo costoso giocattolo. È facilissimo da usare, non ci sono istruzioni da memorizzare si mette in acqua e si parte: a spingervi ci penseranno due eliche e il motore.

Ha l’assetto positivo, quindi se la batteria vi abbandona (non dovrebbe accadere essendo il Trident dotato di indicatore dello stato di carica), galleggia e vi facilita la risalita. A proposito della batteria, l’autonomia è buona: 45 minuti. È molto leggero e compatto, quindi facilissimo da trasportare: queste sono le caratteristiche ideali per chi vuole giustamente portarselo in vacanza: entra in valigia.

A proposito rispetta le regole imposte dalle compagnie di volo quindi non ci sono problemi a imbarcarlo su un aereo. Buona la velocità: impostando il livello 2 potrete viaggiare fino a 1,8 m/s. Per rendervi più chiare le cose vi diciamo che il campione olimpico di nuoto Sun Yang ha fatto registrare una velocità media di 1,73 m/s sulla distanza di 1500 m. Infine, se vi piace fare riprese durante le vostre nuotate, c’è la predisposizione per la GoPro.

 

Pro

Assetto positivo: Il Trident galleggia anche se non spinto dal motore: in questo modo vi aiuta a tornare a galla se restate senza batterie.

Rapido: La sua velocità è degna di un campione olimpico di nuoto: impostando il livello 2 si possono raggiungere gli 1,8 m/s.

Facile da trasportare: Potete portare il Trident con voi ovunque andiate: leggero e compatto può stare in valigia e anche essere imbarcato in aereo.

 

Contro

Costoso: Come avrete avuto modo di capire dalle caratteristiche elencate, il suo prezzo è alto e una cosa del genere può essere un ostacolo all’acquisto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Acquascooter Yamaha

 

2. Yamaha Seascooter Elettrico 220Li Unisex Adulto

 

L’acquascooter Yamaha 220Lì è adatto a un uso professionale ed è tra i modelli più venduti. Può raggiungere la profondità massima di 30 metri e toccare la velocità di 5 Km/h. Molto buona l’autonomia della batteria che nelle condizioni ideali raggiunge i 60 minuti. Un indicatore vi dà le informazioni sul livello di carica. Per la ricarica, invece, bastano 3 ore.

Volendo si può fare un upgrade con batterie con maggiore autonomia che migliorano le performance dell’acquascooter. Ottimo il design idrodinamico che riduce significativamente l’attrito. La presa è molto comoda, il manubrio è ergonomico; per l’azionamento bisogna premere due pulsanti e l’acquascooter si spegne anche se ne viene rilasciato uno solo; si tratta di una misura di sicurezza molto utile perché evita che il seascooter possa sfuggirvi di mano e andarsene per i fatti suoi.

L’assetto è positivo anche se il galleggiamento non è proprio il massimo. È compreso il supporto per la GoPro. Quanto al trasporto, quello a mano può essere complicato per il suo peso di 8,6 Kg, inoltre non ha una forma tale da poter entrare in valigia.

 

Pro

Velocità: L’acquascooter è molto veloce, può arrivare fino a 5 Km/h e spingersi a una profondità massima di 30 metri.

Batteria: Riteniamo molto buona l’autonomia della batteria che, nelle giuste condizioni, arriva fino a 1 ora, oltretutto è sempre possibile un upgrade con altre batterie più performanti.

Attrito minimo: Grazie all’ottimo design idrodinamico, l’attrito è ridotto al minimo e questo va a vantaggio degli spostamenti in acqua.

 

Contro

Pesante: Se state pensando di trasportarlo a mano per un lungo tratto oppure addirittura metterlo in valigia, lasciate perdere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Acquascooter Sea Doo

 

3. Sea-Doo GTI, Scooter Subacqueo

 

Se cercate un acquascooter con un buon rapporto qualità/prezzo che vi permetta di andare in profondità, dovete assolutamente dare un’occhiata più da vicino al Sea Doo che vi consente di scendere fino a 30 metri sotto il livello del mare e spostarvi a una velocità massima di 4 Km/h.

Vi potete divertire parecchio grazie all’autonomia della batteria che può arrivare fino a due ore; certo, dopo dovrete attenderne circa 8 per la ricarica completa e questo potrebbe essere un problema per i più ansiosi di rituffarsi in acqua. L’uso non presenta difficoltà: si premono i due pulsanti e si parte mentre il cambio direzione si ottiene semplicemente puntando il Sea Doo dove si vuole andare.

È possibile zavorrare l’acquascooter Sea Doo: basta togliere la calotta superiore e mettere i pesi. Per il trasporto è fornito un borsone ma non è leggerissimo, anche se siamo nella media per acquascooter di questo genere. Il design non è idrodinamico, abbiamo visto di meglio.

 

Pro

Autonomia: Molto buona, secondo noi, l’autonomia della batteria, che può durare fino a due ore, per un divertimento prolungato.

Velocità: Non è affatto male, visto che il produttore dichiara 4 km/h nelle condizioni ideali, dunque con corrente a favore e altri fattori determinati.

Profondità: L’acquascooter raggiunge la ragguardevole profondità massima di 30 metri sotto il livello del mare.

 

Contro

Tempo di ricarica: Bisogna attendere parecchio per ricaricare le batterie una volta scariche, ci vogliono dalle sei alle otto ore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Acquascooter per bambini

 

4. Yamaha YME23004, Moto d’Acqua Gonfiabile Aqua Cruise Elettrica

 

Questo potrebbe essere un regalo davvero originale. Yamaha ha realizzato un acquascooter per bambini. Per rendere meglio l’idea, visto che è un modello gonfiabile, possiamo paragonarlo a una sorta di canotto con la forma di una moto d’acqua. Nella parte inferiore c’è l’elica che gira spinta dal motore fino a un massimo di 60 minuti, dopodiché la batteria si esaurisce.

La velocità massima raggiungibile è di 3,2 km/h. Parliamo di velocità dichiarata che però è influenzata dal peso dell’occupante e dalle condizioni del mare. Inutile dire che va usata solo con mare calmo ma se è agitato, potete ripiegare sulla piscina perché anche in questo caso il divertimento è garantito.

Per l‘uso di questa moto bisogna avere almeno 8 anni: sopporta fino a 70 kg di peso e volendo si può andare anche in due stringendosi un po’. La stabilità è buona. Quanto al prezzo, preparatevi a spendere una bella cifra.

 

Pro

Autonomia: La batteria della moto d’acqua ha una buona autonomia: il piccolo potrà divertirsi fino a un’ora, che non ci sembra affatto poco.

Materiali: Quelli impiegati per la realizzazione della moto d’acqua sono buoni: una volta gonfiata, non perde aria per diverso tempo.

Stabile: L’acquascooter ha una buona stabilità, inoltre supporta un carico massimo (70 kg) niente male per essere destinato ai bambini.

 

Contro

Prezzo: Per essere un giocattolo dobbiamo dire che è abbastanza caro, per meritarselo il bimbo dovrà aver fatto parecchio il bravo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Acquascooter economico

 

5. Bobochom Seascooter Diver Propulsion Veichle Sea Scooter

 

È un acquascooter economico e non professionale che si propone infatti a un prezzo non eccessivo. Questo è certamente uno di quei dettagli che possono spingere gli utenti a tenerlo in seria considerazione. Dopotutto se l’esigenza è di fare un po’ di snorkeling o magari far divertire i figli in piscina, ci pare proprio una buona soluzione.

La velocità massima raggiungibile dichiarata dal produttore è di 4,5 Km/h. L’autonomia della batteria va dai 30 ai 60 minuti, dipende da una serie di variabili come per esempio la profondità. A proposito, questo mezzo può scendere fino a 30 metri.

È un modello economico ma anche abbastanza basilare, quindi non aspettatevi di trovare cose come l’indicatore della batteria. Concludiamo con due parole sull’estetica, anzi, quattro: non ci è piaciuta.

 

Pro

Costo: Se cercate soprattutto qualcosa venduto a un prezzo accessibile ma che al tempo stesso non sia un giocattolino, questo modello risponde alle vostre esigenze.

Profondità: L’acquascooter si spinge fino a una profondità massima di 30 metri dunque potete prenderlo in considerazione anche se fate ben più che lo snorkeling.

 

Contro

Basilare: L’acquascooter non presenta particolari funzioni o caratteristiche, ad esempio avrebbe fatto comodo un indicatore dello stato della batteria.

Estetica: Da un punto di vista estetico siamo rimasti abbastanza freddi; personalmente non ci è piaciuto neanche un po’.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon acquascooter

 

Come scegliere un buon acquascooter tra le tante offerte disponibili sul mercato? Meglio andare sul sicuro e puntare sulla migliore marca, spendendo una bella cifra oppure dare fiducia a un produttore meno famoso comprando un modello più economico? Gli interrogativi non sono pochi, lo sappiamo ma vedrete che con un pò di pazienza e grazie ai nostri consigli su quale acquascooter comprare, alla fine non resterete delusi. Abbiamo fatto un’attenta comparazione tra i modelli venduti online, e tra un attimo vi presenteremo le nostre conclusioni ma prima c’è da capire quali caratteristiche deve avere il miglior acquascooter.

Che cos’è?

L’acquascooter è un veicolo a propulsione subacquea che serve principalmente durante le immersioni: il fine del suo impiego è agevolare gli spostamenti sott’acqua, in particolare quando ci sono grandi distanze da percorrere. A dare la spinta al sub è un motore elettrico che aziona un’elica. È impiegato dai professionisti per le esplorazioni marine ma anche per prestare soccorso a sub in difficoltà, quando la tempestività è tutto.

Ha anche un utilizzo militare ma negli ultimi anni questi dispositivi sono diventati sempre più in uso a comuni cittadini che lo sfruttano per puro divertimento. L’acquascooter è usato anche a fini turistici, ad esempio per le immersioni guidate volte all’esplorazione di grotte e altre belezze marine. Ciò, chiaramente, ha aperto un nuovo mercato e dato il via alla produzione di modelli non professionali venduti a prezzi bassi.

 

La velocità

Ci sono una serie di fattori da prendere in esame al fine di individuare i migliori acquascooter del 2022 che però rispondano alle specifiche esigenze. Tra queste c’è la velocità che deve essere adeguata a chi maneggia il mezzo e alle sue capacità. È ovvio che uno scooter per non professionisti non ha bisogno di andare molto veloce poiché lo scopo è rilassarsi, fare delle piacevoli escursioni subacquee e non compiere una pericolosissima missione alla 007.

Per i più giovani e per chiunque voglia fare del semplice turismo sui fondali un mezzo con velocità massima sui 5 km/h va benissimo. Chiaramente uno acquascooter adatto ai bambini va a pelo d’acqua, ma sulla profondità ci torneremo più nel dettaglio tra un attimo. Chi invece fa immersioni con una certa assiduità e magari parecchio in profondità, ha bisogno di un acquascooter più potente e di conseguenza più veloce, diciamo qualcosa che possa andare intorno a una decina di km/h.

 

La profondità

Nello scegliere l’acquascooter bisogna tener conto della profondità raggiungibile. Chi si dedica allo snorkeling, per esempio, non ha l’esigenza di andare parecchio in profondità pertanto può prendere in considerazione un mezzo non troppo costoso, anche se meno performante.

Discorso diverso per il sub che scende di parecchio: in questo caso serve un acquascooter che resista alla maggiore pressione e che funzioni perfettamente anche a svariati metri sotto il livello del mare. Quindi, nel valutare l’acquascooter da comprare, controllate sempre la profondità massima raggiungibile.

 

Positive buoyancy

Ecco un termine che dovete imparare prima di comprare l’acquascooter: “positive buoyancy”. Parliamo di assetto positivo, ovvero, la capacità del mezzo di galleggiare in acqua. Se dovessero esaurirsi le batterie, l’acquascooter, galleggiando, vi aiuterà a tornare in superficie. Ci sono poi i seascooter detti zero buoyancy che non galleggiano senza la spinta del motore, in questo caso per risalire dovrete portarvi dietro un peso extra che inevitabilmente complica le cose. E visto che abbiamo toccato l’argomento, nel fare la vostra scelta, valutate anche il peso dell’acquascooter.

La batteria

Quanto tempo pensate di restare in acqua? La risposta è importante perché anche in base a questa dovete scegliere il modello più adatto a voi. In media l’autonomia della batteria di un buon acquascooter adatto a chi fa immersioni impegnative va dai 90 ai 120 minuti; inoltre è sempre possibile portarsi dietro una batteria di scorta.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona un acquascooter?

Il funzionamento dell’acquascooter elettrico è molto semplice: è dotato di una batteria che serve per alimentare il motore. Questo dà la spinta a una o due eliche, dipende dal modello. L’avviamento, generalmente, avviene azionando due pulsanti che se rilasciati causano lo spegnimento del mezzo subacqueo. Si tratta di una misura di sicurezza che evita di perdere il seascooter qualora per qualsiasi ragione dovesse sfuggire da mano.

 

Come si guida l’acquascooter?

Manovrare un acquascooter non presenta la minima difficoltà. Non è richiesta la patente nautica ma chiaramente bisogna saper nuotare e avere tutte le competenze tipiche di chi si dedica alle immersioni. L’acquascooter va afferrato con le due mani, la presa deve essere salda. In base al modello si può accelerare passando al secondo livello di velocità (gli acquascooter più economici hanno un solo livello). Per la direzione basta puntarlo verso dove si vuole andare.

 

Cosa significa acquascooter?

Significa che invece di andare su strada come i comuni scooter, va in acqua. Ma è bene fare maggiore chiarezza perché quando si parla di acquascooter si può fare riferimento anche alle moto d’acqua. Diciamo che è un termine un po’ generico. Nel nostro caso specifico possiamo parlare anche di DVP, acronimo di Drive Propulsion Vehicle oppure underwater scooter (scooter subacqueo). Dunque la differenza tra la moto d’acqua e l’acquascooter subacqueo è che la prima si sposta sull’acqua mentre il secondo nell’acqua e permette di andare in profondità.

 

Che cos’è il positve buoyancy?

Con il termine positive buoyancy si fa riferimento alla capacità dell’acquascooter di galleggiare in acqua. Non tutti i seascooter hanno questa caratteristica ma è molto importante perché se il mezzo si ferma mentre si è sott’acqua, è più facile risalire in quanto non bisogna portarsi dietro il peso dell’acquascooter che anzi, aiuta a tornare prima a galla.

 

Tutti gli acquascooter possono andare in profondità?

Non proprio. Alcuni modelli sono pensati per spostarsi a pelo d’acqua e a non più di quattro o 5 metri di profondità: questi sono adatti a chi si dedica allo snorkeling mentre per i sub ci sono modelli che vanno in profondità per diverse decine di metri, chiaramente hanno un costo maggiore.

 

A che velocità viaggiano gli acquascooter?

Non sono mezzi velocissimi. Gli entry level viaggiano intorno ai 4 o 5 km/h ma dipende anche dalle condizioni del mare mentre quelli più costosi e usati dai sub professionisti possono anche andare a 9/10 km/h.

 

Quanto pesa un acquascooter?

Il peso varia anche di molto: quelli adatti allo snorkeling e che dunque non vanno molto in profondità mediamente pesano sui 4 kg mentre gli acquascooter di livello superiore non pesano meno di 8 kg. Esistono anche acquascooter per due sub che sono di maggior dimensione e peso.

 

 

 

Come utilizzare l’acquascooter

 

Adatto per l’attività di snorkeling ma ancor più per le immersioni subacquee, l’acquascooter permette di spostarsi più velocemente e praticamente senza sforzo fisico. Ne esistono di modelli per dilettanti e per veri professionisti ma cambiano solo le caratteristiche, il principio di funzionamento e il modo di utilizzarlo è sempre lo stesso.

 

Alcune precauzioni

Il fatto che l’acquascooter praticamente nuoti al posto vostro non vuol dire che non bisogna essere in possesso di una buona preparazione fisica e valgono tutte le precauzioni cui deve attenersi un sub. Dunque non immergetevi se il vostro stato di salute non è perfetto. Indossate una muta adeguata, non entrate in grotte se non le conoscete meglio delle vostre tasche ed evitate di andare sott’acqua da soli: è preferibile essere accompagnato da un amico ed esperto sub che può intervenire in caso di emergenza prestandovi soccorso.

Una decisione saggia, per chi non ha esperienza, è fare un po’ di pratica senza andare in profondità, anche per familiarizzare con il mezzo. Se si ha la possibilità di testare il seascooter in piscina è anche meglio.

 

Controllate la batteria

Prima di immergervi controllate lo stato della batteria, questa dovrebbe essere al massimo della sua carica al fine di sfruttare tutta l’autonomia possibile, ricordate di caricarla prima di andare al mare.

 

Avviare l’acquascooter

Mettere in moto l’acquascooter è molto semplice: in genere bisogna pigiare due pulsanti, lasciandone anche uno solo, il mezzo si spegne. Ciò non deve essere vista come una scomodità. Innanzitutto per dare la giusta direzione al seascooter è bene servirsi delle due mani, poi se dovesse sfuggirvi, non rischierete di perderlo una volta per tutte in quanto si spegnerà immediatamente. Per la velocità potreste dover scegliere tra due o più livelli, dipende dal modello in vostro possesso. Quelli meno costosi hanno una sola velocità, quindi non c’è possibilità di scelta.

Zavorrate l’acquascooter

Volendo per andare più velocemente in profondità, alcuni modelli possono essere zavorrati: questi dispongono di un vano apposito per ospitare i pesi. Siccome non tutti gli acquascooter possono andare alla stessa profondità è bene prestare attenzione alle indicazioni del costruttore. Andare più giù di quanto sia consigliato può comportare il danneggiamento del mezzo.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI