Gli 8 migliori fucili subacquei del 2022

Ultimo aggiornamento: 14.08.22

 

Fucili subacquei – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto

 

Uno strumento adatto per la pesca di profondità deve possedere diverse qualità come manegevolezza, precisione e sicurezza per il sub e chi potrebbe essere nelle vicinanze. È un tema delicato e su cui muoversi con cautela. Qualora siate interessati all’acquisto di un prodotto di questo tipo e volete metterli in comparazione, tra i nostri consigli c’è Cressi Apache Fucile Pesca Subacquea che ha una testata aperta, così da fornire la massima visibilità e un bilanciamento adeguato grazie alla distribuzione dei pesi. Le quattro taglie a disposizione poi coprono un range adeguato per i principianti e chi desidera portare la pesca a un livello superiore. Seac Sting Fucile Subacqueo con la sua canna in alluminio e il posizionamento della sagola direttamente sull’asta, innalza il livello del fucile e lo rende un oggetto ideale per cominciare, facendo affidamento su una dotazione di tutto rispetto. Insomma, se avete poco tempo sapete quale fucile subacqueo comprare con una coppia di prodotti molto interessanti.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori fucili subacquei – Classifica 2022

 

 

1. Cressi Apache Fucile Pesca Subacquea

 

Uno dei migliori fucili subacquei del 2022, il modello Apache possiede una testata aperta così da rendere la ricerca e la mira sul bersaglio più pratica e semplice. In tanti hanno gradito poi l’impugnatura, con una zona posteriore ergonomica pensata e progettata per semplificare la presa e gestire il rilascio nel modo meno traumatico possibile per il sub.

Un ideale punto d’incontro tra spesa e resa, capace di regalare diverse soddisfazioni dal punto di vista della pesca con un investimento tra i più economici della categoria.

Il tubo di alluminio anodizzato di 26 mm di diametro regge in modo appropriato alla carica delle due gomme laterali, con una precisione che non guasta al momento di lasciare partire il colpo.

La buona distribuzione dei pesi e le quattro misure disponibili, da 35 fino a 75 cm, ne fanno un oggetto versatile e adatto anche per una competizione.

 

Pro

Maneggevolezza: La scelta di un’impugnatura ergonomica aiuta a gestire al meglio la mira e l’esecuzione del colpo.

Versatilità: Le quattro misure disponibili riescono a soddisfare tutti i tipi di cacciatori subacquei, così da venire incontro alle esigenze e a diversi stili di pesca.

Qualità costruttiva: Con il tubo di alluminio anodizzato di 26 mm e due gomme robuste e reattive, il modello Apache si configura come un entry level di tutto rispetto, grazie anche alla testata aperta molto robusta e affidabile.

 

Contro

Sagola: Si lamenta una qualità inferiore della sagola fornita in dotazione rispetto al resto del fucile. Un neo che ha fatto storcere il naso ai più esigenti riguardo la totalità dei componenti che formano il fucile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Seac Sting Fucile Subacqueo

 

Tra le offerte più interessanti sul mercato, il fucile Seac brilla per una qualità costruttiva che si affida alla realizzazione di una canna in alluminio anticorodal, un insieme di leghe particolarmente resistenti alla corrosione e quindi ideali come supporto durante la pesca.

In più l’oggetto viene proposto in un gran numero di taglie, a partire dalla misura minima di 35 cm fino a un massimo di 85 cm. L’impugnatura anatomica favorisce una presa adeguata e forte sul fucile, con un sistema di appoggio pratico anche sullo sterno, nel momento di caricare il colpo.

L’aggancio della sagola avviene con un passaggio diretto sull’asta, in maniera simile ai fucili di tipo professionale. Progettato anche per una pesca in spazi ristretti, il fucile supporta due elastici paralleli, con in più un sistema di gestione della carica pratico e intuitivo.

 

Pro

Realizzazione: Il marchio ha prodotto un oggetto comodo per andare a pesca e con un sistema sicuro di carica e gestione del colpo.

Spesa: Sul fronte dell’investimento, quanti tra coloro che amano i prezzi bassi troveranno nel modello Sting di Seac un supporto perfetto con cui iniziare a praticare la pesca subacquea.

Carica: il sistema di carica del fucile risulta comodo e pratico anche per chi è alle prime armi, grazie anche a un manuale d’istruzioni dettagliato.

 

Contro

Impugnatura: Si lamenta una misura ridotta del calcio del fucile, così che alcuni utenti hanno trovato scomoda l’impugnatura e la gestione una volta imbracciato il fucile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Mares Jet Fucile pneumatico

 

Altro grande marchio è Mares, capace di offrire prodotti per le esigenze più diverse, forte anche di una tradizione alle spalle di lunga data. Il modello Jet si distingue per la testata monopezzo dal peso ridotto un aspetto che porta a un buon bilanciamento del fucile e a una ogiva rinforzata che semplifica il posizionamento dell’arpione e regge bene anche il contraccolpo.

Dai pareri raccolti, molti gradiscono anche la linea e l’estetica del fucile, con il colore nero a dominare lungo tutta la superficie e piccoli dettagli in arancione come contrasto. Potenza adeguata e una buona precisione, completano poi il quadro e le specifiche di un oggetto realizzato con cura e pensato per durare nel tempo.

Un’efficacia che si ritrova anche nel sistema di caricamento, molto pratico e intuitivo anche sott’acqua e nella sicura affidabile. L’asta filettata da 8 mm scorre che è un piacere con una sagola adeguata a seguire il tiro.

 

Pro

Meccanica: Il fucile Mares risponde in modo preciso alla richiesta di cura e attenzione necessarie quando si pesca.

Design: La forma e il colore catturano l’attenzione degli utenti, con un’ogiva rinforzata e una canna interna da 13 mm che lascia scorrere l’asta senza interruzioni o cedimenti.

Praticità: Il sistema di caricamento procede senza intoppi, con una rapidità e una gestione del colpo alla portata anche dei principianti.

 

Contro

Grilletto: Si lamenta una certa durezza del grilletto, con un certo sforzo da parte degli utenti al momento di scoccare il colpo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Cressi Sioux Fucile Pesca Subacquea

 

Realizzato in alluminio anticorodale, pensato e progettato per una pesca subacquea in cui agilità di manovra e mira diventano una cosa sola, il modello Sioux è un altro esempio di come scegliere un buon fucile subacqueo senza scendere a compromessi con la qualità.

A partire dall’impugnatura ergonomica, che unisce design a semplicità d’uso e stabilità nella presa, si nota il bel lavoro e l’ottima scelta di materiali, primo fra tutti una gomma morbida chiamata rubbersoft. Nella zona posteriore dell’impugnatura si trova poi anche un supporto per la carica del colpo, robusto e capace di sostenere al meglio il fucile in questa situazione delicata.

Nella parte frontale invece sono presenti tre anelli per il passaggio dell’asta mentre nella zona inferiore è collocato un ampio e robusto anello per la sagola. La testata chiusa dispone poi di una sella guida asta che accoglie al suo interno e con la massima scorrevolezza la punta con cui pescare.

 

Pro

Materiali: L’alluminio anodizzato è realizzato con un materiale che resiste nel tempo all’azione corrosiva dell’acqua salata, senza per questo incidere troppo sul peso e la praticità con cui gestire il fucile.

Ergonomia: La presenza di un supporto adatto a sostenere il sistema di carica del fucile, agisce come base d’appoggio pratica con cui poter impostare e gestire al meglio tutte le operazioni.

Modifiche: I fusti, gli elastici e l’ogiva sono pensati come un sistema aperto suscettibile di migliorie e modifiche particolari.

 

Contro

Elastici: La qualità degli elastici presenti nella confezione non è all’altezza rispetto al resto del fucile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Seac Asso S/R, Fucile Subacqueo Pneumatico ad Aria Compressa

 

Con un serbatoio in lega di alluminio, pensato e progettato con un diametro di 40 mm, il fucile Seac si dimostra una valida alternativa ai modelli con elastico. La parte della testa è realizzata in lega leggera, con dei fori maggiorati collocati sulla parte finale per semplificare il passaggio dell’acqua.

L’impugnatura ergonomica è realizzata in un solo materiale, con una canna da 13 mm e un serbatoio in lega di alluminio largo 40 mm. Si tratta di una misura ideale per ospitare l’asta.

La lunghezza varia dalla misura più piccola di 40 cm fino ad arrivare a 75 cm. Un range che consente di sfruttare al meglio il fucile sia per corte distanze sia per una pesca che necessita di un raggio maggiore.

Nella confezione è presente l’asta, arpione, la sagola e il sistema di caricamento, perfetto per chi vuole mettersi subito all’opera e iniziare ad esplorare fondali e zone dove possono nascondersi pesci, con un nuovo fucile pratico ed efficace.

 

Pro

Realizzazione: La scelta di materiali solidi e la linea che consente di gestire al meglio il colpo e l’impugnatura del fucile contribuiscono alla resa finale dell’oggetto.

Potenza: Con le cinque lunghezze disponibili, l’uso e l’esito della pesca si adatta al meglio alle esigenze di ogni singolo utente.

Gittata: Con una distanza massima di 3 metri, il fucile consente una pesca di pesci di media e piccola taglia.

 

Contro

Mulinello: In tanti avrebbero gradito l’aggiunta di un supporto con cui poter richiamare l’asta una volta partito il colpo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Cressi Moicano Fucile da pesca

 

Tra i modelli più venduti, il fucile Cressi Moicano ha un fusto con diametro di 26 mm e con una linea che premia la praticità e comodità d’uso in ogni occasione. Lo stesso rivestimento è pensato per proteggere e mimetizzare il supporto quando si pesca in prossimità di fondali scogliosi.

L’impugnatura ergonomica è pensata per dare un buon supporto al momento del colpo, con una zona in gomma ben progettata e pratica da utilizzare. L’alluminio anticorodale che costituisce il corpo principale rimane leggero e resistente all’azione dell’acqua nel tempo, con il fucile che si dimostra così robusto e direzionabile senza sforzi eccessivi in acqua.

I due angoli esterni formano la parte a diretto contatto con l’asta, una scelta che dona reattività e fluidità al momento del colpo. La stessa guida è a basso sfregamento, una qualità in più che migliora e favorisce il passaggio dell’asta.

 

Pro

Disegno: Progettato con una colorazione adatta alla pesca vicino agli scogli, il fucile si mimetizza al meglio e permette un avvicinamento sicuro alla preda.

Materiali: Il tubo in alluminio è protetto dalla corrosione e dispone di un diametro di 26 mm perfetto per muoversi in acqua con agilità e senza impedimenti.

Comodità: La linea è stata pensata per offrire il massimo in quanto a impugnatura e praticità d’uso, con una base in gomma resistente e agevole.

 

Contro

Base di appoggio: La zona pensata per andare in diretto contatto con lo sterno è troppo sottile e risulta fastidiosa al momento della carica del fucile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Omer Cayman HF Camu 3D Fucile subacqueo

 

Con il fusto in alluminio Hydroforming, resistente all’acqua e con una linea che richiama la forma di un osso di seppia, il fucile subacqueo Omer è un oggetto che mette in mostra sin da subito l’eccellenza costruttiva. Presenta poi un fusto con la guida per l’asta integrato nel corpo stesso del fucile, un elemento questo che migliora precisione e mira.

Le misure partono da 75 cm fino ad arrivare a un massimo di 130 cm. Si capisce dunque che già di partenza siamo di fronte a un oggetto pensato per un tipo di pesca più articolato e come prede pesci di taglia medio grande.

Ottima anche l’impugnatura e la base di appoggio pensata per chi deve caricare in acqua e non vuole dover passare per manovre troppo complicate. In più, il ponticello Inox amovibile aiuta nella gestione e nel posizionamento di uno o più elastici, una soluzione pratica che dona potenza e maggior gittata all’asta.

 

Pro

Misure: Con una base che va da 75 cm fino ad arrivare a un massimo di 130 cm, si vede come il fucile è stato pensato per un tipo di pesca che va da pesci di taglia piccola fino a prede molto più grandi.

Costruzione: La linea predilige il massimo dell’ergonomia, con una forma a osso di seppia dinamica e comoda quando si è in acqua.

Versatilità: La testata aperta consente al pescatore di montare anche due elastici circolari, con il binario in cui si alloggia con semplicità l’asta.

 

Contro

Spesa: L’investimento per un fucile del genere non è stato considerato conveniente per chi puntava a un prodotto di fascia media dal costo più contenuto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Salvimar Metal Fucile subacqueo

 

Il fucile Salvimar è uno dei prodotti più interessanti presenti sul mercato, figlo di una brand affidabile e che realizza oggetti di ottima fattura. La misura di partenza parte da 75 cm fino ad arrivare a 125 cm. Anche in questo caso dunque la questione riguarda la scelta di un prodotto dalle dimensioni medie per la prima misura ma che consente anche una pesca di profondità puntando a prede più grandi e resistenti.

Passando alle qualità dell’oggetto si vede subito come Salvimar ha lavorato sul fusto, con alluminio aeronautico con una guida per l’asta integrata. L’impugnatura ha poi un profilo ergonomico ben studiato, con il sistema collaudato di sgancio Metal.

Nella zona posteriore è poi incluso un appoggio per lo sterno estraibile, così da dimezzare e semplificare i tempi di carica. Gli elastici legati di serie e l’aggiunta di serie del mulinello per il richiamo della sagola, chiudono la descrizione degli aspetti fondamentali di un oggetto che saprà convincere molte persone.

 

Pro

Qualità costruttiva: La scelta dell’alluminio aeronautico e di un’asta con pinnette e saldature al laser la dice lunga sulla cura e l’attenzione di Salvimar per un prodotto robusto e fatto per durare.

Potenza: I doppi elastici di serie con ogiva, e la testata aperta multielastico aiutano nel lancio dell’asta, così da avere un colpo efficace con cui catturare la preda.

Praticità: Dall’impugnatura con sistema di sgancio Metal, passando per la regolazione del grilletto, il fucile si dimostra un oggetto pratico e adatto a chi cerca uno strumento semplice da maneggiare ed efficace alla prova dei fatti.

 

Contro

Montaggio: Alcuni utenti lamentano una certa difficoltà nell’assemblaggio delle parti. Un punto negativo che ha fatto sollevare diversi dubbi circa l’acquisto dell’oggetto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere il miglior fucile subacqueo

 

Parlare di miglior fucile subacqueo significa considerare diversi aspetti e le parti che insieme vanno a comporre questo strumento, che può essere suddiviso tre grandi categorie: elastico, oleopneumatico e a molla. Nelle righe seguenti abbiamo raccolto alcuni consigli che possono migliorare la percezione e la conoscenza degli utenti, in modo tale da poter scegliere con maggiore consapevolezza e con un bagaglio più ricco di informazioni.

Le misure

La scelta della taglia e dei centimetri dipende molto dal tipo di pesca che si vuole praticare e anche dall’esperienza del pescatore. Per un principiante la scelta di solito ricade su un modello che parte dai 30 cm fino a un massimo di 75 cm. Questo perché la misura consente di muoversi con maggiore agilità, riducendo poi anche l’ingombro e la difficoltà di manovra dell’oggetto una volta sott’acqua.

A questo primo distinguo segue poi la questione del tipo di pesca che si pratica e della grandezza della preda. Un pescatore con una certa esperienza è capace di gestire anche fucili più lunghi, anche fino a 120 cm di lunghezza. Una pesca da tana trova in un fucile di medie dimensioni, con un massimo di 75 cm la scelta più adatta con cui poter gestire spazi stretti e situazioni in cui la libertà di movimento e l’ottimizzazione del colpo è essenziale per la riuscita.

Quelli che invece praticano una pesca sul fondo, in attesa del passaggio della preda, possono affidarsi a una tipologia di fucile che raggiunge i 90 cm di lunghezza. Un modello del genere possiede un buon allungo e funziona anche per chi predilige la pesca in discesa, pinneggiando verso il basso in cerca di pesci. Quanti invece puntano a prede più grandi devono munirsi di un fucile mediamente lungo, diciamo dai 100 cm in su, consapevoli però della pratica necessaria per portare a casa qualcosa e avere la giusta potenza al momento del tiro.

 

Materiali

Acciaio, alluminio e carbonio. Questi alcuni degli elementi che formano il corpo del fucile. Importante verificare la resistenza e l’eventuale trattamento di queste leghe così da resistere alla corrosione e al lavoro lento e inesorabile svolto dall’acqua di mare.

Oltre al tubo centrale altri elementi che possono determinare la scelta di un modello piuttosto che un altro sono l’impugnatura e la qualità dell’asta montata. Un disegno ergonomico migliora la presa e la tenuta del fucile, così come un supporto per lo sterno, di fondamentale importanza al momento di caricare il fucile se parliamo di fucili a elastico.

Tipologie di fucile

Negli anni, la tipologia di fucile pneumatico in voga per tutti gli anni ottanta, è stata pian piano affiancata da un modello chiamato arbalete, o fucile a elastico. Ognuna delle due tipologie ha in sé vantaggi e punti deboli.

Se da un lato il fucile elastico consente un tiro dritto e preciso, con un’ottima accelerazione e pochissimo rumore al momento del tiro, dall’altro la sua struttura composta di elastici, risulta mediamente più rumorosa nel brandeggio dell’arma, con in più un sistema di caricamento che nei modelli più lunghi risulta più faticoso. Altro elemento positivo del fucile a elastico è l’elevata personalizzazione di quasi tutte le parti che lo compongono, dall’asta passando poi il corpo centrale, la sagola e gli elastici utilizzati.

Il fucile pneumatico invece vince la sfida sulla potenza di penetrazione, dove poi nelle misure più piccole, si riesce anche a gestire la preda con tiri anche molto scomodi in spazi ridotti all’osso.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come caricare un fucile subacqueo ad aria compressa?

Per caricare un fucile di questo tipo la migliore soluzione arriva da una pompa a mano. Di solito si trovano della stessa marca del fucile comprato e presentano anche uno schema con cui poter gestire al meglio le diverse atmosfere anche con i tempi medi necessari al caricamento.

 

A quale età si può utilizzare il fucile da pesca?

In base alla legge viene stabilita un’età minima di 16 anni. In più si rischia di incorrere in diverse sanzioni se si passa un fucile anche solo temporaneamente a un minore per farglielo utilizzare. È proibito poi caricare e scaricare il fucile fuori dall’acqua e in presenza di persone nelle vicinanze.

 

Che cos’è un arbalete?

Con questo termine si identifica un fucile il cui funzionamento dipende dall’utilizzo di uno o più elastici che vengono posizionati così da tendersi e sono poi collegati a un’asta che scatta per poi colpire il bersaglio. È il nome con cui viene quindi indicato e definito un fucile subacqueo a elastico.

 

Si può modificare un fucile subacqueo?

Si, in particolare i modelli a elastico permettono all’utente di gestire in maniera personalizzata diversi aspetti che vanno dal tubo centrale, per poi passare al tipo di elastici circolari disponibili, o all’impugnatura e al tipo d’asta che si può montare.

 

Si usa ancora il fucile a molla?

La terza tipologia di fucili subacquei è quella detta a molla elicoidale. Funzionano, com’è facile intuire, grazie a una molla d’acciaio collocata all’interno dell’arma. Il loro meccanismo desueto e l’eccessiva lentezza nella fuoriuscita dell’asta hanno portato questo tipo di fucili alla “estinzione”.

 

 

 

Come sfruttare al meglio un fucile subacqueo

 

L’acquisto di un buon fucile subacqueo porta con sé domande e perplessità che possono ridurre o limitare la capacità e l’efficacia dell’oggetto. In questi quattro paragrafi abbiamo cercato di raccogliere alcuni consigli in cui il buon senso e la praticità vanno a braccetto.

Manutenzione

Una volta usciti dall’acqua e aver controllato che la sicura e il fucile sia scarico, è opportuno lavare con acqua del rubinetto tutto il fucile. Si può poi lasciarlo asciugare all’aperto, avendo cura di non esporlo alla luce diretta. Una volta fatto questo il più è per lo più passato e si può riporre il tutto dentro una custodia.

Discorso simile anche per gli arpioni e le aste. Fissateli sempre alle protezioni e controllate la resistenza e lo stato degli elastici se il vostro modello funziona con questi.

 

Scelta tipologia più adatta

Per chi inizia la pratica della pesca subacquea, la scelta di un fucile dovrebbe rientrare in un modello lungo al massimo 75/90 cm. Questo perché quando si è alle prime armi è bene far pratica con un prodotto leggero e progettato per essere il più intuitivo e comodo per gli utenti.

In questo modo si garantisce un montaggio semplice a cui aggiungere, per i modelli con elastico, la scelta di aste dal diametro massimo di 6 o 7 mm. I più esperti invece sapranno già qual è la tipologia che potrebbe fare di più al caso loro, con un sistema che media tra investimento ed efficacia.

 

Attrezzatura extra

Nei modelli pneumatici recuperate una pompa a mano con cui poter caricare in tempi brevi l’oggetto, senza dimenticare poi tutta l’attrezzatura adeguata prima di entrare in acqua. Una muta adatta alla stagione, insieme a una maschera e delle pinne di qualità migliorano la vostra esperienza di caccia, se poi il tutto è anche mimetico ancora meglio.

Essenziale poi la scelta di un pallone segnasub. È l’indicatore fondamentale che segnala la presenza del sub, mettendolo al sicuro, da un lato da tutti gli eventuali bagnanti e dall’altro dal rischio di non essere visto dalle imbarcazioni. La scelta di guanti adeguati, con cui potersi muovere e impugnare al meglio il fucile, semplifica molto la gestione e l’uso di questo strumento.

Apportare modifiche

Specie nelle tipologie con elastico, il fucile si dimostra un supporto pensato e progettato per dare il meglio sul fronte della personalizzazione. Lo si vede dalle diverse componenti che si possono smontare, a partire dagli elastici inseriti dalla casa di produzione, per poi passare al tipo di asta e alla sua ampiezza. In tanti poi modificano anche la zona dell’impugnatura, specie la parte con il supporto per lo sterno che si utilizza al momento della carica del fucile.

Altra parte che si può modificare è quella della sagola, ovvero quella del tipo di filo con cui si fissa l’asta del fucile sul supporto e che aiuta poi il pescatore al momento del colpo sulla preda. Essenziale poi capire dove acquistare e come impostare queste modifiche, fermo restando la lettura attenta di un manuale di istruzioni da parte dell’utente e la capacità di inserire queste personalizzazioni senza snaturare il profilo del titolo.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI