I 5 Migliori Carrelli da Golf del 2020

Ultimo aggiornamento: 07.08.20

 

Carrello da Golf – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Gli appassionati di golf, mentre si dilettano con la loro passione, amano circondarsi di oggetti che siano funzionali ma anche eleganti. Questo vale per tutti gli accessori necessari al golfista, indipendentemente dal suo livello di abilità. Tra questi prodotti c’è anche il carrello, quello strumento che permette di portare sempre con sé la pesante sacca contenente tutte le mazze. Se non avete un caddy che si sobbarchi lo sforzo dovete scegliere un modello che sia leggero e funzionale. Ce ne sono manuali come anche elettrici, in base alle preferenze e alla disponibilità economica. Qui di seguito abbiamo riassunto gli aspetti di cui tenere conto nel momento della scelta del miglior carrello da golf, arricchendo la guida anche con le recensioni dei modelli più interessanti. Come per esempio il carrello di Charles Bentley, dotato di motore da 200 W alimentato da una batteria ricaricabile e dunque in grado di sgravarvi completamente dalla fatica del traino, con il valore aggiunto di un’autonomia più che sufficiente a “coprire” ben 36 buche. Non è elettrico ma vanta comunque una buona leggerezza, grazie al telaio in alluminio. Stiamo parlando del modello proposto da Clicgear 3,5 Plus, disponibile tra l’altro in una decina di colorazioni differenti.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior carrello da golf?

 

Sei in cerca di un buon carrello da golf ma non sai quale scegliere? Dai un’occhiata alla nostra guida con alcuni consigli utili e alla classifica in basso con la recensione dei modelli più apprezzati quest’anno: confronta prezzi e prestazioni, potrebbero bastare pochi minuti per individuare il modello più adatto alle tue esigenze.

Elettrico o manuale?

Le sacche da golf hanno peso e dimensioni diversi: alcuni giocatori le portano a spalla, altri si affidano ai trolley da golf. Meglio un modello elettrico o manuale?

Chi vuole fare meno fatica sceglierà con tutta probabilità un carrello elettrico: non solo risparmierà energie ma potrà utilizzarlo più efficacemente su campi difficili o pesanti perché in pendenza e inzuppati dalla pioggia: in questi casi un carrello manuale rappresenterebbe un dispendio eccessivo di energie, specialmente per percorsi molto lunghi.

Naturalmente, bisogna mettere in conto una spesa di gran lunga superiore: i modelli elettrici hanno un prezzo superiore anche di dieci volte rispetto a quelli manuali.

Acquistando un trolley elettrico si potrà portare con sé una sacca più voluminosa con tutto l’occorrente per ogni evenienza, per esempio giubbotti, diverse bevande e snack.

Generalmente i carrelli elettrici sono a tre ruote e, proprio come quelli manuali, sono pieghevoli per essere trasportati più facilmente, pur avendo peso e volume superiori: per questo è sempre bene verificare se siano compatibili col proprio portabagagli.

I trolley elettrici sono alimentati a batteria: le più performanti sono quelle al litio perché hanno una maggiore autonomia e durano di più nel tempo rispetto a quelle al piombo che sono anche più ingombranti e pesanti.

Alcuni modelli elettrici hanno un solo motore, altri due per affrontare senza problemi pendenze particolarmente impegnative.

 

Quante ruote?

Chi vuole optare per un modello manuale deve decidere se acquistare un trolley a due o tre ruote. Ma qual è la differenza fondamentale? Come confermano i fisioterapisti di tutto il mondo, i modelli a tre ruote riducono fortemente lo stress su schiena e gambe, senza contare che si può avere anche maggiore energia da dedicare al golf.

I modelli a due ruote sono utili in campi piccoli e pianeggianti e inoltre si caratterizzano per il minore ingombro, la notevole leggerezza e il costo accessibile a tutte le tasche, l’ideale per chi va a giocare a golf raramente, non ha bisogno di un prodotto molto complesso e cerca soprattutto il risparmio.

Sul mercato c’è un’ampia scelta come puoi verificare dando un’occhiata ai modelli selezionati in basso. Meno diffusi sono invece i trolley a quattro ruote perché generalmente da un modello a tre ruote si passa poi a quello elettrico.

 

 

Altre caratteristiche

I carrelli della migliore marca hanno il manico regolabile in altezza per potersi adattare alla diversa statura di ogni golfista. Si manovrano agevolmente, sono facili e veloci da aprire e chiudere e sono dotati di tutti quei piccoli comfort che aiutano a rendere il percorso più gradevole: porta ombrelli, porta bevande, segnapunti, porta tee, matite e palline.

La sacca deve poter essere agganciata in un attimo e senza problemi ma, se le dimensioni sono eccessive, questo non sempre è possibile e bisogna adottare alcuni accorgimenti di cui il giocatore che ama la comodità farebbe volentieri a meno.

 

I 5 Migliori Carrelli da Golf – Classifica 2020

 

Vediamo adesso in concreto i nostri consigli d’acquisto su quale carrello da golf comprare. Ci sono modelli per tutte le esigenze e per tutte le tasche: dai un’occhiata alle nostre recensioni e fai una comparazione, potresti trovare il prodotto che stai cercando senza fare ulteriori ricerche.

 

 

1. Charles Bentley Carrello Trolley da Golf, Elettrico 200 W

 

Il golf è notoriamente uno sport non alla portata di tutti, non tanto per la difficoltà nell’apprenderne rudimenti e sfoggiare la necessaria abilità, quanto perché piuttosto costoso. L’acquisto di un carrello per il trasporto della sacca e delle mazze non fa eccezione e quindi, dovendo mettere comunque mano al portafoglio, perché non optare per un modello elettrico?

Quello realizzato da Charles Bentley si caratterizza proprio per essere dotato di un motore da 200 W e di una batteria da 12V, al cui combinazione gli permette di muoversi in modo autonomo sul campo da golf, sgravandovi dalla fatica di doverlo trainare. Ha un manico a T per afferrarlo in modo più saldo e può essere impostato per muoversi autonomamente con stop programmati dopo 10, 20 o 30 metri.

La carica della batteria gli consente un’autonomia più che sufficiente per coprire un percorso di 36 buche, a patto di averlo completamente ricaricato (per circa 8-10 ore) prima di metterlo in funzione. Il carrello si ripiega facilmente e le sue tre ruote sono smontabili così è semplice anche da caricare in auto e portare con sé.

Vi state convincendo che questo prodotto possa fare per voi? Rileggete allora pro e contro e quindi cliccate sul link sottostante per entrare nel negozio online.

 

Pro

Autonomia: Caricando completamente la batteria è possibile avere un\’autonomia più che sufficiente per completare un percorso di 36 buche. Il tempo di caricamento si aggira attorno alle dieci ore.

Comodo: Oltre a sgravarvi della fatica di trasportare la sacca con le mazze, il carrello elettrico di Bentley si ripiega facilmente e, smontando le ruote, si carica agevolmente nel bagagliaio dell’auto.

Prezzo: In assoluto l’esborso non è di quelli alla portata di tutti ma nemmeno distante da quanto dovreste spendere per comprare un carrello manuale.

 

Contro

Custodia: Difficile muovere critiche a questo prodotto però se fosse stato venduto con una custodia protettiva da utilizzare durante il trasporto non ci sarebbe certo dispiaciuto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Clicgear 3,5 Carrello da Golf

 

Per tanti giocatori il modello 3,5 Plus (+) Clicgear è tra i migliori carrelli da golf del 2020. È anche uno dei più venduti sul mercato per le elevate prestazioni offerte.

Si tratta di un modello compatto con un meccanismo di apertura/chiusura brevettato che semplifica e velocizza le operazioni per il golfista.

La struttura è realizzata in alluminio, lo stesso utilizzato in campo aeronautico, e il carrello risulta solido, resistente, estremamente maneggevole anche su terreni sconnessi e leggero da spostare.

La presenza del freno a mano evita che possa scivolare in pendenza quando viene parcheggiato e il nuovo design riduce l’usura del cavo.

È un carrello molto pratico perché permette di inserire facilmente sacche di qualsiasi misura in un attimo grazie alle fasce regolabili. I pneumatici sono senz’aria e quindi non richiedono manutenzione.

Rispetto alla versione precedente, il modello Plus ha molto più spazio per riporre più oggetti ed è dotato di porta ombrello, porta bevande flessibile e scomparto per matite, tee e palline.

A differenza di altri carrelli da golf simili, è disponibile in un’ampia gamma di colori tra cui scegliere quello preferito.

Se dal vostro nuovo carrello da golf pretendete delle prestazioni elevate e una buona capacità di trasporto, allora troverete molto interessante il modello 3,5 Plus, prodotto da Clicgear.

 

Pro

Design e colori: È molto curato esteticamente, ben rifinito e disponibile in tantissimi colori diversi, a seconda dei gusti o delle esigenze personali.

Struttura: Il telaio è realizzato interamente in alluminio aeronautico, solido, resistente e molto maneggevole grazie alla sua leggerezza; le ruote grandi lo rendono facile da spostare anche su terreni sconnessi.

Pratico e sicuro: Può alloggiare sacche di qualsiasi misura, grazie alle fasce regolabili, inoltre è dotato di freno a mano, in modo da poterlo parcheggiare in modo sicuro quando ci si trova sulle pendenze.

Spazioso: Ha molto spazio a disposizione per riporre oggetti e uno scomparto apposito per le palline, i tee e le matite; inoltre ha il porta-ombrello e un porta-bevande flessibile.

 

Contro

Prezzo: Anche se è meno caro del ProScore, il prezzo del Clicgear si mantiene comunque alto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Carrello da Golf Master Serie 5 a 3 Ruote

 

Affidabile, scorrevole e resistente: ecco come appare a tanti giocatori il Master 5 Series, una valida soluzione per chi non sa come scegliere un buon carrello da golf senza spendere un capitale: l’ottimo rapporto qualità/prezzo è infatti uno dei punti di forza di questo modello.

Nonostante il prezzo accessibile, il trolley è in grado di sostenere sacche da golf di ogni forma e peso. Gli utenti ne sottolineano, in particolare, la leggerezza e facilità di manovra anche su terreni difficili.

Si apre e si richiude facilmente grazie al sistema Quick-Lok e ha angolazione e altezza regolabili per adattarsi meglio a tutti i giocatori.

Disponibile in due colori, è pratico perché ha la terza ruota che si ritrae facendolo diventare un carrello a due ruote. In più dispone di porta bevande, porta score con cassetto per palline, tee e matite. Non è incluso invece il portaombrelli che però può essere montato grazie all’apposita predisposizione.

Il carrello da golf Master 5 Series 3 è leggero e offre un ottimo rapporto qualità-prezzo e alcune caratteristiche che lo rendono adatto a tutti i giocatori.

 

Pro

Quick Lok: È dotato di un particolare sistema, il Quick Lok, che lo rende estremamente facile da montare e smontare, in poche semplici mosse.

Struttura: Anche il Master 5 Series ha un telaio leggero e resistente, realizzato interamente in alluminio, e tre ruote poste a triciclo; il carrello è anche pieghevole e la ruota anteriore è retraibile.

Pratico: Il supporto per la borsa e l’altezza del carrello da golf, sono entrambi regolabili, questo lo rende pratico e gli permette di adattarsi a qualsiasi tipo di borsa e di giocatore.

Accessori: Include il porta-bevande e un supporto che funge da zona ove agganciare un porta-ombrello.

 

Contro

Solo supporto: Il porta-ombrello non è incluso, c’è solo il supporto dove montarlo; va acquistato a parte e, per giunta, della stessa marca.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Longridge Carrello da Golf con Tre Ruote

 

Non sarà il miglior carrello da golf sul mercato, ma questo Longridge merita attenzione perché potrebbe rappresentare una valida alternativa per chi cerca un trolley a tre ruote di prima fascia: se anche tu hai bisogno di una soluzione pratica ma economica dagli un’occhiata.

Difficile trovare un modello con un rapporto qualità/prezzo così vantaggioso. Longridge, poi, è un marchio molto noto ai giocatori di diversi Paesi perché realizza da anni prodotti di buona fattura.

Si piega occupando circa la metà dell’ingombro rispetto a quando è aperto, anche se diversi golfisti rilevano che il volume occupato è comunque notevole e potrebbe non essere adatto a chi ha un portabagagli di ridotte dimensioni.

È un modello molto gradevole esteticamente, comodo da manovrare, dotato di segnapunti integrato e porta borraccia (per quanto di scarsa qualità). Comoda anche la maniglia e la possibilità di regolare l’altezza dell’impugnatura.

Il Longridge non può essere certo considerato il top di gamma, ma è una valida alternativa per coloro che non vogliono spendere eccessivamente, dato che fa parte della categoria di prodotti a prezzi bassi.

 

Pro

Facilità d’uso: È un carrello estremamente facile da montare e da smontare; le ruote tendono a scricchiolare un po’, ma sono larghe e scorrevoli.

Ergonomico: Il carrello da golf Longridge è stato progettato secondo un disegno ergonomico, in grado di ridurre lo sforzo muscolare e di favorire la corretta postura nello spingerlo.

Accessoriato: È completo anche di manico con impugnatura morbida, supporto segnapunti resistente alle intemperie, e spazio per alloggiare palline, tee e matite.

Maneggevole: Offre una discreta maneggevolezza e solidità, non all’altezza dei modelli esaminati in precedenza, ma abbastanza da garantire un buon rapporto qualità-prezzo.

 

Contro

Piccole mancanze: Il freno non è di qualità eccelsa e tende a rompersi in fretta, inoltre i ganci di fissaggio per la borsa sono alquanto piccoli e leggeri.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. CaddyTek Carrello da Golf Super Deluxe

 

Tre ruote in Eva indeformabile a cui si aggiunge poi una struttura versatile e modulare, pensata per chi vuole avere il massimo da un carrello da golf in quanto a gestione e organizzazione degli spazi. L’oggetto è completamente in alluminio e non supera i sette chili, qualità queste che lo rendono leggero ma resistente anche per il trasporto di un completo set di ferri. 

Sfruttando poi un sistema di chiusura brevettato si riduce l’ingombro al massimo, potendo tenere in un ripostiglio o in garage il CaddyTek, subito pronto all’uso. La maniglia si regola a diverse altezze, gestendo così la spinta e il movimento a piacere. Nella confezione trovano poi posto anche una borsa per il trasporto delle mazze, un vano portaoggetti in cui sistemare un cellulare o altri supporti golfistici, compreso un segnapunti. 

Il sistema di frenata è gestito da un pratico pedale, premendo semplicemente in avanti si sblocca la ruota e a una successiva sollecitazione si ferma di nuovo il carrello.

 

Pro

Modularità: Il sistema quad fold soddisfa in pieno le esigenze di chi vuole un supporto comodo da trasportare e richiudibile letteralmente in tre mosse.

Supporti: Oltre alla sacca porta mazze è incluso anche un vano portaoggetti e un pratico portaombrelli con cui ripararsi in caso di pioggia.

Movimento: Grazie alla presenza di tre robuste ruote, si sposta il carrello agilmente su ogni tipo di superficie, seguendo così il percorso senza ulteriore fatica e con la giusta fluidità.

 

Contro

Costo: La spesa necessaria all’acquisto di un carrello da golf non ha soddisfatto in pieno chi pensava a un esborso più contenuto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un carrello da golf

 

Uno degli sport più rilassanti in assoluto è il golf. Un tempo era prerogativa delle classi sociali più alte ma adesso sono davvero in tanti a praticarlo, compreso chi non usa il campo per concludere affari milionari o stringere alleanze politiche. Esatto, perché il golf è anche questo. Ma queste sono questioni che poco ci interessano, concentriamoci sulle cose concrete come il carrello da golf, strumento indispensabile per portarsi dietro le mazze senza affaticarsi.

 

 

Il carrello manuale

Per chi è interessato alla praticità ci sono i carrelli da golf manuali. Questi presentano dei vantaggi interessanti: innanzitutto si caricano facilmente in auto perché sono leggeri, poi si manovrano bene ma da questo punto di vista è meglio prendere un modello a tre ruote anziché a due.

 

Il carrello elettrico

Se non si ha voglia di spingere il carrello, bisogna affidarsi a un modello elettrico il quale, a  differenza del manuale, occupa più spazio e quindi potrebbe presentare dei problemi per il trasporto in auto. È anche più pesante perché ha un motore e la batteria.

A proposito di quest’ultima, la durata di misura in numero di buche e l’autonomia può variare dalle 18 alle 36 buche.

 

Regolare il manico

I carrelli da golf hanno il manico regolabile per adattarsi all’altezza del golfista. È bene eseguire la regolazione così da trasportare il carrello senza problemi. È tutto molto semplice, solitamente c’è un sistema a scatti: basta tirare a sé il manico o spingerlo verso il basso.

 

Agganciare la sacca

La sacca non va semplicemente appoggiata sul carrello ma va agganciata. Accertarsi che sia tutto ben fatto altrimenti le mazze potrebbero cadere e rovinarsi. L’aggancio è molto semplice: si mette la sacca nell’alloggio e poi si tira lo stringente. In questo modo le mazze non si muoveranno.

 

 

Gli accessori

Un carrello da golf, indipendentemente che sa manuale oppure elettrico, può essere arricchito con una serie di accessori in alcuni casi davvero di grande utilità. Per evitare di prendere un’insolazione, si può montare un porta ombrello (naturalmente, senza l’ombrello l’insolazione la prendete ugualmente) mentre per refrigerarsi con una bibita fresca, si può dotare il carrello di un portabottiglie (anche in questo caso, alla bibita dovete pensarci voi).

Non mancano poi i supporti per allocare lo smartphone o il GPS. Infine, per restare sempre aggiornati sul punteggio, c’è il porta segnapunti.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

ProScore Easy One

 

Il vantaggio più evidente di un carrello da golf elettrico come questo è la maggiore comodità rispetto ai modelli manuali, l’ideale per chi non vuole spingerli o trascinarli lungo tutto il green.

Easy One è il modello base dell’azienda italiana ProScore: ha un solo motore e la batteria al piombo ha l’autonomia sufficiente per un massimo di 36 buche. Altri modelli presentano la batteria al litio che ha una maggiore durata o due motori che si rivelano utilissimi per i campi con forti pendenze.

La struttura di Easy One è in lega di alluminio, un materiale leggero ma molto resistente. Il carrello è pieghevole, le ruote si smontano in modo da poterlo caricare e scaricare più comodamente dall’auto. Non manca la pratica sacca da trasporto dove riporlo, utile anche quando non è in uso.

Si tratta di un modello pratico perché permette di impostare la distanza da percorrere automaticamente in modo da poterlo dirigere, per esempio, verso il tee della buca successiva prima di entrare sul green.

Il carrello è completo perché dispone di porta ombrelli integrato, porta score con cassetto per riporre palline, tee e matite, mentre il display mostra sempre lo stato della batteria.

In questa guida per scegliere il miglior carrello da golf metteremo a confronto quelli che, secondo i pareri dei consumatori, sono i modelli più interessanti attualmente disponibili sul mercato, a cominciare dall’Easy One di ProScore.

 

Pro

Elettrico: Grazie al suo motore elettrico da 180 watt, alimentato da una batteria da 12 volt 33 Ah, vi permetterà di spostarvi sul campo senza fatica.

USB: La presenza del motore elettrico offre un ulteriore vantaggio, un ingresso USB da utilizzare per ricaricare il vostro smartphone anche mentre state giocando.

Solido: Il telaio è realizzato interamente in alluminio, leggero, robusto e resistente, capace di reggere un carico massimo fino a 30 chilogrammi; inoltre è anche ripiegabile e le ruote sono smontabili.

Accessoriato: Ha anche il porta-ombrello e un cassetto per riporre le palline, il tee e le matite e un custodia per il trasporto.

 

Contro

Prezzo: La qualità ha il suo prezzo, e il carrello da golf elettrico Easy One non fa eccezione.

 

 

Golfers Club Easiglide TR01 Trolley in Alluminio per Sacca da Golf

 

Il prezzo imbattibile spiega perché il carrello Easiglide sia uno dei più venduti online. Si tratta di un trolley a due ruote questa volta, quindi più faticoso da trasportare sul campo da golf.

È invece molto facile da ripiegare e da sistemare nel portabagagli, anche in quelli più piccoli, perché l’ingombro occupato è ridotto e le ruote possono essere smontate.

La leggerezza è un altro dei suoi punti di forza: non sono molti i carrelli che pesano solo 2,7 kg come questo. La struttura in alluminio garantisce, comunque, tutta la robustezza di cui c’è bisogno per trasportare la sacca, anche se potrebbe essere necessario dover fissare meglio quelle più voluminose. La maniglia è ergonomica e sono presenti segnapunti, scomparto porta pallina e tee.

Vi stavate chiedendo già dove acquistare il carrello da golf più economico? Eccolo qui, l’Easiglide TR01 è uno dei modelli più venduti grazie al suo prezzo, decisamente accessibile.

Vi stavate chiedendo già dove acquistare il carrello da golf più economico? Eccolo qui, l’Easiglide TR01 è uno dei modelli più venduti grazie al suo prezzo, decisamente accessibile.

 

Pro

Costo: Il suo principale punto di forza sta proprio nel prezzo, è il più accessibile e vantaggioso che si possa trovare attualmente sul mercato.

Leggero: Il telaio è realizzato in alluminio normale, non aeronautico, ma rimane comunque molto leggero e anche abbastanza robusto, facile da montare, smontare e ripiegare.

Ingombro: A differenza degli altri modelli, che tendono a conservare un certo ingombro anche quando sono ripiegati, il TR01 occupa uno spazio veramente minimo.

Pratico: Ha anche lo spazio per alloggiare il segnapunti, i tee e le palline; la sua leggerezza, praticità e il prezzo molto economico, lo rendono ideale per i principianti.

 

Contro

Ruote: Tendono a sfilarsi con fin troppa facilità, gli acquirenti consigliano di bloccare i morsetti di fissaggio dei mozzi delle ruote con delle fascette di nylon.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments