I 5 Migliori Pedometri del 2024

Ultimo aggiornamento: 21.06.24

 

Pedometro – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Nella nostra guida si potranno trovare preziosi consigli su come acquistare un buon pedometro, inoltre sarà possibile consultare le recensioni dei migliori prodotti scelti in base ai pareri positivi degli utenti e al loro rapporto qualità-prezzo. Vi consigliamo di non perdere altro tempo guardandovi intorno e di puntare dritto al top di gamma, Omron, Contapassi Walking Style IV ha il vantaggio di essere anche molto compatto e intuitivo da usare. Il Daffodil Contapassi multifunzione – Coach personale elettronico MOD HPC650 è particolarmente economico e pensato per chi vuole approcciarsi all’uso di questi dispositivi ma non vuole spendere troppo.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

I 5 Migliori Pedometri – Classifica 2024

 

La scelta del giusto attrezzo che dia un grande aiuto a monitorare le performance atletiche, passa dal confronto delle prestazioni dei migliori pedometri da polso oggi proposti alla vendita. Segui i nostri suggerimenti per capire come scegliere un buon pedometro tra quelli più venduti dell’anno.

 

 

1. Omron, Contapassi Walking Style IV 

 

È un modello particolarmente compatto e leggero. Così discreto da poter essere messo in tasca e qui non dà alcun disturbo. È importante non dimenticare di averlo con sé perché non rimane sempre acceso. Infatti va in standby per risparmiare le batterie dopo un certo periodo in cui non rileva più movimenti.

Ha un sensore 3D che riesce a rilevare il reale movimento dei passi e non uno spostamento da un piede all’altro da fermi. Si imposta con facilità dal quadro comandi che è molto intuitivo e semplice da governare. Per esempio, è possibile impostare una modalità Action per identificare le attività sportive differenziandole dalla comune routine di tutti i giorni.

Insieme al conteggio dei passi offre informazioni anche sulle distanze coperte e le calorie consumate in un determinato periodo di tempo. Conserva i dati raccolti in memoria per sette giorni in modo da poter elaborare statistiche e verificare la costanza e le performance ottenute nel medio termine.

 

Pro

Numerose informazioni: Evidenzia, oltre al numero dei passi, anche le distanze percorse, le calorie bruciate e indica il raggiungimento dell’obiettivo dei 10mila passi.

Selezione modalità d’uso: È possibile settare il dispositivo perché riconosca le attività quotidiane rispetto al momento in cui si fa sport e si esegue un’attività fisica più intensa.

Facile da governare: Lo schermo e i comandi sono molto chiari da usare e intuitivi. Basta poco per settare le diverse funzioni offerte e per impostare la modalità corretta d’uso.

 

Contro

Va in standby: Se si trascorre parecchio tempo seduti, il dispositivo si spegne e non si riaccende automaticamente una volta che si torna in movimento.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Daffodil HPC650 Contapassi Multifunzione Pedometro

 

È un dispositivo molto semplice e comodo da usare per via del design compatto e l’intuitività delle funzioni disponibili. Consente di contare i passi e le distanze percorse. Invece di impostare l’altezza della persona per calcolare lo slancio della gamba, richiede la misura in centimetri del passo e da qui calcola le distanze percorse.

Insieme a questo tipo di dati elaborati, offre anche il quadro delle calorie consumate durante la giornata e mantiene in memoria i dati raccolti durante sette giorni di uso. In questo modo è possibile stilare statistiche chiare e controllare il proprio andamento e i progressi fatti. È dotato di orologio che permette di tenere traccia dei propri tempi, la durata degli esercizi e valutare anche le proprie performance in base a questo parametro.

L’aspetto molto compatto e gradevole si sposa bene con un uso quotidiano. Le dimensioni ridotte (pesa appena 20 grammi) lo rendono facile da portare con sé ovunque ci si voglia allenare o ci si tenga in movimento senza dare nell’occhio.

 

Pro

Molto compatto: Il design molto sottile e l’abbinamento dei colori semplice ma efficace, lo rendono un dispositivo adatto a essere portato sempre con sé e usato all’occorrenza.

Economico: Il prezzo è davvero allettante e si fa apprezzare in modo particolare per via della buona qualità complessiva del dispositivo e la capacità di rilevare il numero dei passi con precisione.

Comandi intuitivi: Il contapassi si governa grazie a tre bottoni in evidenza che consentono di settare il funzionamento, verificare i dati in memoria e visualizzare le informazioni utili, come il calcolo delle calorie consumate e le distanze percorse.

 

Contro

Non il più preciso: È necessario disattivarlo quando non si sta camminando per evitare di misurare anche movimenti diversi dai passi veri e propri.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. PINGKO Pedometro Contapassi Sportivo Portatile 

 

Qui troviamo un buon prodotto, comodo da usare in contesti diversi perché può essere comodamente agganciato alla cintura dei pantaloni. Si caratterizza per la particolare discrezione associata a una buona memoria interna che riesce a rilevare fino a quasi 100mila passi e 100 km di distanza percorsa.

Una buona soluzione per chi ama i lunghi trekking e vuole tenere traccia di tutti i progressi fatti nel corso di una settimana. Infatti il dispositivo è in grado di registrare i risultati fino a sette giorni consecutivi per un migliore controllo delle prestazioni.

Dal comodo schermo Lcd piuttosto grande è possibile verificare tutto quello che serve per impostare correttamente le funzioni del contapassi. I tre bottoni sono piccoli ma permettono di controllare le diverse opzioni. È necessario fare un po’ di pratica perché le istruzioni in dotazione sono piuttosto carenti. Ma in rete si trovano tutorial e video dimostrativi utili.

Si spegne automaticamente quando non rileva più i movimenti mantenendo in memoria le ultime informazioni raccolte. Poi si riattiva da sé quando ci si rimette in movimento continuando la conta dei passi da dove era stata interrotta.

 

Pro

Da agganciare alla cintura: Le dimensioni molto minute e la possibilità di essere fissato alla vita rendono facile l’uso del dispositivo in ogni circostanza.

Standby automatico: Quando ci si ferma il dispositivo smette di rilevare il dato, ma riprende la misurazione una volta tornati in movimento ripartendo da dove si era interrotta.

Memoria ampia: Oltre a rilevare i dati di sette giorni consecutivi e mostrarli in statistiche, il dispositivo è in grado di contare fino a quasi 100mila passi.

 

Contro

Istruzioni scarne: Sono solo in inglese e anche poco chiare, quindi è indispensabile fare prove o cercare video in rete per il settaggio corretto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. SUNNZO X16 Lettore MP3 16GB Bluetooth 4.2, con Pedometro 

 

Non è un semplice contapassi, ma un piccolo dispositivo in grado di accompagnare l’allenamento dei veri appassionati di sport. Infatti oltre a funzionare come podometro, si può usare per ascoltare musica, come radio e registratore. Insomma, un gadget davvero versatile e adatto a diversi usi che si desidera fare del classico lettore Mp3.

Ha una memoria interna di 16 GB, che gli permettono di archiviare tutta la musica che si desidera ascoltare durante l’allenamento. La capacità effettiva è espandibile e si può prolungare fino a 64 Giga aggiungendo una microSD. Inoltre si può collegare via Bluetooth ai dispositivi sorgente per accedere all’archivio musicale o riprodurre la musica ad alto volume su altoparlante o cuffie.

La funzione sport consente di misurare il numero di passi e la distanza percorsa durante l’allenamento. Inoltre restituisce informazioni sul tempo trascorso dall’inizio dell’allenamento per valutare la propria resistenza. La batteria in dotazione è molto performante, garantisce un’autonomia di 50 ore, quindi è in grado di sopportare un uso intensivo prima di essere ricaricata.

 

Pro

Multifunzione: Si tratta in definitiva di un lettore Mp3 ricco di funzioni accessorie che permettono di godere al massimo del proprio tempo trascorso in palestra ad allenarsi, mentre si monitora l’andamento dell’allenamento.

Da fissare al braccio: In dotazione è compresa la fascia per mettere il dispositivo al braccio e usarlo senza intralci o intoppi.

Compatto e versatile: Si presta a fare di tutto, compreso ascoltare i libri in forma di audiobook, ma tutto questo con un ingombro davvero minimo.

 

Contro

Non ha funzione contacalorie: Non essendo in origine un contapassi mancano le funzioni avanzate come per esempio il calcolo delle calorie consumate durante l’allenamento.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Ultrasport Contapassi 3D, Pedometro con Monitor LED 

 

Economico ma che punta all’estrema precisione del dato rilevato. Così si presenta il modello che vediamo in questa recensione. Si tratta di un dispositivo piuttosto accurato, fatto dimostrato dalla capacità di correggere il margine d’errore nella stima delle distanze percorse ogni dieci passi.

Quindi è possibile contare il numero di passi e le distanze percorse con un minimo sfrido. Memorizza automaticamente i dati rilevati durante una settimana d’uso ed è facile richiamarli per confrontare i propri progressi. È possibile fissare degli obiettivi da raggiungere e il dispositivo segnala ogni volta che vengono raggiunti per motivare a superare i propri limiti.

Lo schermo led è chiaro e facile da leggere perché i caratteri sono grandi e spiccano in netto contrasto con il fondo chiaro del display. Può contare e visualizzare fino a 99.999 passi, quindi è adatto a chi ne fa un uso intensivo e vuole uno strumento con cui tenere traccia delle performance.

 

Pro

Sensore 3D: Questa speciale tecnologia consente la rilevazione esatta e accurata del dato senza subire l’influenza di movimenti sul posto.

Schermo led: Chiaro e ben leggibile, mostra fino a quasi 100mila passi, insieme con i dati rilevati durante sette giorni di utilizzo.

Comodo da indossare: Si fissa grazie a una clip o una cinghia per una migliore aderenza al corpo senza dare alcun fastidio durante l’attività sportiva.

 

Contro

Sensore 3D: Un difetto comune dei dispositivi con sensore 3D è che continuano a misurare anche quando si è in auto, per questo serve spegnere il dispositivo durante il tragitto e riaccenderlo a destinazione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior pedometro?

 

Quanti passi ci separano dal benessere fisico? Gli esperti dicono 10.000 al giorno, ma c’è da chiedersi se anche loro riescano a compiere quotidianamente questo impegno senza sottrarre tempo alla ricerca e al lavoro. Corrispondono a circa 8 km, che non sono tantissimi, ma nemmeno rappresentano un obiettivo facile da raggiungere.

Un contapassi è l’attrezzo in grado di definire quanto ci si avvicini all’obiettivo preposto, che coincida o meno col target definito dagli esperti, e quanti e quali miglioramenti si siano ottenuti grazie alla costanza e alla perseveranza.

Questa guida ti aiuta a trovare il prodotto che meglio risponde alle tue esigenze e al range di prezzo che ti sei prefissato, scopri a cosa prestare maggiore attenzione e cosa non trascurare nella scelta del tuo prossimo pedometro.

 

 

Che formato scegliere

Anche chi confronta prezzi si sarà accorto che un attrezzo di questo tipo non richiede un grosso investimento iniziale, si tratta di tecnologie piuttosto semplici e se si fa attenzione ad alcuni parametri la resa è migliore di quanto ci si aspetti da una spesa così contenuta.

Di solito una classifica dei migliori pedometri vede diversi tipi di dispositivi, dall’orologio al bracciale, che vanno tenuti direttamente al polso, ai congegni pensati per essere tenuti anche in tasca o fissati alla cintura. Tutti hanno dimensioni e ingombro contenuti, sono pensati per non intralciare la passeggiata o la corsa e devono potere essere usati in modo facile e pratico.

 

Sensibilità del rilevatore

La recensione dei modelli proposti sul mercato mette spesso in luce un aspetto fondamentale, e cioè la capacità del rilevatore di contare solo i passi reali e non i movimenti apparenti, come per esempio il cambio di peso da una gamba all’altra, oppure oscillazioni che si producono inavvertitamente ma che non sono passi.

Quasi tutti i dispositivi hanno un sistema semplice di taratura, e cioè che permette di impostare la misurazione dei passi e delle distanze percorse in base alla reale falcata individuale. Contando quanti passi si impiegano per percorrere una certa distanza e dividendola per il numero di passi eseguiti si ha un valore approssimato ma molto vicino alle reali capacità individuali.

Alcuni strumenti permettono di settare in maniera differente la lunghezza del passo in corsa oppure in marcia, questo perché i due valori possono cambiare a seconda del tipo di allenamento e quindi alterare le rilevazioni ottenute.

 

 

Funzioni accessorie

La migliore marca da cercare per questo genere di attrezzature è, di norma, quella leader nella produzione di strumenti utili per l’attività sportiva. Poi sta alla sensibilità di ciascuno e in base alle proprie preferenze stabilire quale modello di quale casa meglio risponda alle proprie esigenze.

Molti pedometri non svolgono solo la funzione di contapassi, ma offrono anche altre informazioni utili per monitorare il proprio progresso atletico o per valutare le condizioni atmosferiche in cui compiere i propri allenamenti.

Ecco che la quasi totalità dei dispositivi dà un valore, approssimativo, del dispendio calorico calcolato in base alla velocità del passo e alla distanza percorsa. Informazioni accessorie, come l’ora, l’altitudine, il meteo, o infinite varianti proposte dai diversi modelli, si propongono di rispondere in maniera specifica ai più disparati bisogni si possano presentare in base al tipo di attività sportiva o alle preferenze di chi utilizza questo versatile accessorio.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI