Gli 8 Migliori Cavalletti Manutenzione Bici del 2021

Ultimo aggiornamento: 28.09.21

 

Cavalletto Manutenzione Bici – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni 

 

Chi ama fare la manutenzione in proprio della bicicletta, un attrezzo che non deve mai farsi mancare è il cavalletto, sul quale appoggiare il mezzo quando si decide di cambiare le gomme, mettere a punto i freni e così via. Un modello molto robusto, che lascia poco spazio ai fronzoli, ma si rivela eccezionalmente funzionale è il Tacx T3025, realizzato in allumino e che si può anche richiudere una volta terminato il lavoro. Per chi vuole spendere poco, ecco il cavalletto CyclingDeal Hooks, adatto soprattutto per le Mountain Bike ma comunque utile anche per bici con ruote dai 12 ai 29 pollici.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 Migliori Cavalletti Manutenzione Bici – Classifica 2021

 

Ecco qui una comparazione dei prodotti che abbiamo ritenuto tra i più validi del web. Date uno sguardo alle loro caratteristiche per capire quale scegliere.

 

 

Cavalletto manutenzione bici professionale

 

1. Tacx Spider, Supporto da Lavoro Professionale

 

Per tutti i ciclisti che fanno della riparazione delle biciclette una professione, ma anche per coloro che cercano un prodotto che garantisca di avere a posto il proprio mezzo a pedali, Tracx propone un cavalletto manutenzione bici da corsa.

Il modello Spider è realizzato totalmente in alluminio, scelta che gli consente di essere allo stesso tempo molto robusto e particolarmente leggero. Si monta in tutta facilità e permette di inclinare e ruotare la bicicletta come si desidera, a beneficio di una più semplice operazione di manutenzione. 

Una volta terminato il lavoro si può richiudere e tenere sempre a portata di mano in uno sgabuzzino o in un armadio, meglio con lucchetto, visto anche il suo valore in denaro. Si può anche regolare in altezza e possono essere appoggiate biciclette con un peso massimo di 23 kg, come ad esempio le e-bike. 

Comodo anche il piccolo porta oggetti inserito sul piantone centrale.

 

Pro

Leggero e robusto: Con un peso di soli 4,5 kg, il cavalletto manutenzione per bici professionale è comunque molto robusto e supporta bici fino a 23 kg di peso.

Regolabile: Per avere il massimo del comfort quando serve fare una riparazione alla bici, il cavalletto si può abbassare o alzare a piacimento, ma può anche ruotare la bicicletta.

Ripiegabile: Una volta terminata la riparazione o la manutenzione, lo si può ripiegare e riporre ove meglio si crede, visto il poco spazio che va a occupare.

 

Contro

Prezzo: Si tratta di un cavalletto professionale e quindi non è esattamente il più economico sul mercato. Come si sa, la qualità si paga.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cavalletto manutenzione bici da corsa

 

2. CyclingDeal Manutenzione Cavalletto Mountain Bike

 

Per chi cerca prezzi bassi e non vuole spendere una cifra esorbitante per un cavalletto manutenzione bici da corsa, una buona scelta può diventare il modello Hooks, proposto da CyclingDeal. 

Per un prezzo che scende sotto i 20 euro, si può avere un cavalletto adatto a tutti i tipi di bicicletta, ovvero che siano dotati di ruote dai 12 ai 29 pollici. I due ganci possono essere abbassati e alzati a piacimento, quindi consentono di appoggiare telai di varie dimensioni, rendendo questo prodotto molto versatile. 

Il cavalletto arriva smontato, ma gli utenti sottolineano come sia molto semplice da assemblare. È realizzato in acciaio verniciato a polveri, e i ganci sono rivestiti in uretano, per proteggere la bicicletta da eventuali graffi quando la si poggia per la manutenzione. 

Di contro non è particolarmente alto, quindi le operazioni di manutenzione saranno da svolgere inginocchiati o seduti su uno sgabello basso.

 

Pro

Prezzo: Con un costo davvero abbordabile questo cavalletto per manutenzione è uno dei più venduti online, grazie anche a una qualità generale ritenuta più che valida.

Ganci regolabili: I due ganci dove si posiziona la bici sono regolabili in altezza e anche in angolazione, per trovare la giusta migliore posizione per lavorarci.

Versatile: Non ci sono particolari limitazioni sul tipo di bicicletta che può sostenere. Infatti l’azienda lo rende adatto a modelli che hanno ruote dai 12 ai 29 pollici.

 

Contro

Basso: Il cavalletto è un po’ basso, tanto che, ad esempio, per lubrificare la catena o registrare i freni bisognerà effettuare queste operazioni in ginocchio, posizione sicuramente non molto comoda.

Clicca qui per vedere il prezzo  

 

 

 

Cavalletto manutenzione bici Mountain Bike

 

3. Relaxdays Stand per Riparazione/Manutenzione Bicicletta

 

Tra i due cavalletti sopra descritti, ovvero uno professionale e uno a basso costo, c’è una buona via di mezzo offerta da Relaxdays con il modello Stand. Questo prodotto è definito come cavalletto manutenzione bici Mountain Bike, ma si possono tranquillamente posizionare altri modelli. 

Il mezzo viene sorretto tramite un morsetto regolabile da 25 a 40 mm, dove va inserito il tubolare del telaio. Sorregge biciclette con un peso massimo di 30 kg, quindi difficilmente ci sarà una tipologia non adatta almeno per quanto riguarda questa specifica. 

La bici, una volta posizionata, può essere ruotata di 360° per agevolare qualsiasi tipo di manutenzione. Sempre in tema di comfort, l’asta centrale si regolare in altezza tra i 105 e i 109 centimetri. 

Comodo il portaoggetti, posto centralmente su tale asta, dove appoggiare gli attrezzi che servono, per averli sempre a portata di mano. Infine, è da ricordare che il cavalletto si può richiudere una volta terminato l’utilizzo.

 

Pro

Qualità/prezzo: Un modello versatile a un costo conveniente, molto robusto e dotato di caratteristiche che lo fanno valutare come un buon acquisto.

Versatile: Questo cavalletto è indicato principalmente per le Mountain Bike, visto che regge un peso di ben 30 kg, ma nulla toglie che vi si possano posizionare un po’ tutti i modelli in commercio.

Morsetto: La bicicletta rimane ben salda sul cavalletto grazie a un morsetto in cui bisogna inserire il telaio, sempre che il tubolare rientri in un diametro compreso tra 25 e 40 mm.

 

Contro

Rischio graffi: Stranamente l’azienda non ha previsto nessun tipo di copertura all’interno del morsetto, motivo per cui il telaio è facilmente graffiabile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cavalletto manutenzione bici Tacx

 

4. Tacx Cyclemotion Stand Supporto Bici

 

Il cavalletto manutenzione bici Tacx è robusto e permette di fare tutte le operazioni di manutenzione che sono di norma eseguibili su una bicicletta. La particolarità di questo modello è il sistema di aggancio del mezzo, che avviene tramite la forcella anteriore o posteriore. 

Per questo motivo è necessario togliere la ruota corrispondente a dove verrà fissata la bicicletta. Supporta un carico massimo pari a 20 kg: bisogna solo fare attenzione alla compatibilità perché, come segnalano la casa costruttrice e alcuni utenti, non è in grado di ospitare qualsiasi modello di bici, in particolare quelli che adottano forcelle di tipo Lefty e Focus RAT. 

L’altezza massima da terra è di 50 cm, ed è particolarmente indicato per l’assemblaggio delle biciclette più che per la manutenzione, in quanto il sistema di aggancio alla bici e la robustezza del cavalletto, consentono di imprimere forza su alcune componenti che devono essere montate.

 

Pro

Robusto: Un cavalletto particolarmente robusto che non teme nulla, anche quando è necessario imprimere forza per smontare o montare un componente della bicicletta.

Facile da montare: In pochi minuti dal ricevimento del pacco si potrà avere il cavalletto montato e pronto all’uso vista la sua semplicità di assemblaggio.

Stabile: Una delle caratteristiche più enfatizzate dagli utenti, che l’hanno scelto tra le varie offerte, è la sua stabilità, elemento non di poco rilievo per il tipo di utilizzo per cui è pensato.

 

Contro

Compatibilità: Il cavalletto non è adatto a qualsiasi tipo di bicicletta, in particolare non è compatibile con modelli che adottano forcelle Lefty e Focus RAT.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cavalletto manutenzione bici ParkTool

 

5. ParkTool, Supporto Montaggio PCS-9, Blu

 

Modello descritto dall’azienda “da officina” quindi adatto ai meccanici delle biciclette, visto anche il prezzo non alla portata di tutti. Con i suoi tre punti d’appoggio al terreno, il nuovo cavalletto proposto da ParkTool si rivela molto stabile e quindi adatto anche a ospitare biciclette di un certo valore, senza la paura che queste possano cadere. 

Ha un’altezza regolabile da un minimo di 99 cm a un massimo di 145 cm, ideale per adattarsi al meglio alle esigenze di chi fa manutenzione alla bici, e offre anche una pinza girevole per poter accedere in tutta facilità a qualsiasi componente della bicicletta. 

La pinza è adatta a tubolari con uno spessore tra 24 e i 76 mm di circonferenza. Realizzato in metallo, si nota subito la sua robustezza, visto che pesa oltre gli 8 kg. Si può anche piegare una volta che non lo si utilizza o lo si vuole trasportare per usarlo dove meglio si crede.

 

Pro

Semi professionale: Un cavalletto che è adatto a chi spesso esegue manutenzione sulla propria bici e cerca un prodotto che sia di buon livello sotto tutti i punti di vista.

Robusto: Con un peso di oltre 8 kg e tre punti di appoggio, il cavalletto si rivela molto robusto e stabile, ideale quindi anche quando serve assemblare una bici.

Pinza girevole: Una volta che il tubo del telaio è agganciato alla pinza, questa la si può ruotare per avere sottomano i componenti che devono subire la manutenzione, ovunque essi si trovino.

 

Contro

Blocco alla base: Il sistema di blocco della base al piantone centrale è costituito da un piccolo bottone a molla, che con il peso della bici si sgancia fin troppo facilmente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cavalletto manutenzione bici 30 kg

 

6. Ultrasport Supporto di Montaggio per Bicicletta

 

Per chi possiede biciclette molto pesanti, come quelle con pedalata assistita, è necessario un prodotto che le sostenga senza il rischio che cadano per il peso eccessivo. Un modello di cavalletto manutenzione bici 30 kg è quello proposto da Ultrasport, che non si discosta, a livello di design e funzioni, da altri cavalletti presenti sul mercato, non certificati per ospitare biciclette particolarmente pesanti. 

Il cavalletto si può regolare in altezza grazie all’asta telescopica, tra i 150 e 190 cm. Il sistema di fissaggio per la bici è ruotabile, in modo da portarla, quando necessario, in verticale. Poggia a terra su quattro robuste gambe che si possono ripiegare per facilitare il trasporto, riducendo l’ingombro quando non serve. 

Molto pratico il vassoio portautensili magnetico montato sulla piantana, perfetto per avere sottomano tutti gli attrezzi necessari per la manutenzione della propria bicicletta. Per rendere ancora più stabile il mezzo, una volta posto sul cavalletto, è presente in dotazione una barra telescopica da agganciare al manubrio.

 

Pro

Peso supportato: Il cavalletto proposto da Ultrasport ha come caratteristica principale quella di supportare biciclette pesanti che possono arrivare anche 30 kg.

Quattro gambe: La stabilità è garantita dalla presenza di quattro robuste gambe che volendo si possono ripiegare quando si vuole trasportare il cavalletto.

Pinza regolabile: La classica pinza a cui si aggancia il telaio della bicicletta si può ruotare di 360°, per effettuare delicate riparazioni stando comodamente in piedi.

 

Contro

Plastica: Secondo i pareri degli utenti alcuni serraggi sono un po’ troppo “plasticosi” e quindi più soggetti ad avere problemi rispetto a quelli realizzati in metallo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cavalletto manutenzione bici 20 kg

 

7. Terrabikes 66318 Tri-Pod Cavalletto per Manutenzione Bici

 

Un robusto cavalletto manutenzione bici 20 kg, perfetto per molti dei modelli presenti sul mercato e adatto a chi ama il fai da te anche per le operazioni di manutenzione della propria due ruote a pedali. 

Il morsetto dove inserire il telaio è rivestito in gomma per non graffiare la vernice quando si posiziona la bici. Tale morsetto si può ruotare per posizionare la bicicletta nel modo più consono rispetto all’operazione che si sta per eseguire. 

Il telaio non deve superare i 45 mm di diametro, e non deve essere minore di 22 mm. Un comodo portaoggetti magnetico consente di avere sempre a portata di mano gli attrezzi necessari alla manutenzione. Il braccetto ha un’estensione di 19,5 cm che però arriva a 26 cm se si tiene conto anche della lunghezza del morsetto. 

Questa misura è importante per capire se, una volta posizionata la bici, ci saranno problemi nel far girare i pedali.

 

Pro

Peso della bici: Con la possibilità di sorreggere biciclette con un peso massimo di 20 kg, questo cavalletto è adatto praticamente a quasi tutti i modelli in commercio

Portaoggetti: Per avere sempre sotto mano gli attrezzi necessari alla manutenzione della bici, a metà asta è inserito una portaoggetti magnetico.

Morsetto rivestito: Per non graffiare la vernice del telaio della bicicletta il morsetto al suo interno è stato rivestito con della gomma.

 

Contro

Stabilità: Non tutti gli utenti sono contenti della stabilità generale del cavalletto. Molti consigliano di serrare molto bene le viti di assemblaggio per non incorrere in problemi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cavalletto manutenzione economico

 

8. Ibera Easy Utility IB-ST2 Cavalletto per Bicicletta

 

Quello di Ibera è un cavalletto economico adatto a più utilizzi. È pensato per alzare solo la ruota posteriore e quindi si rende utili per piccoli lavoretti di manutenzione o come cavalletto dove parcheggiare la bici, senza doverla appoggiare al muro o a altro. 

La sua caratteristica migliore riguarda la possibilità di inclinarlo e allargarlo secondo le dimensioni della bici e relative ruote. È in grado di ospitare modelli con ruote che vanno dai 20 ai 27 pollici, quindi la maggior parte di quelle sul mercato. 

Il suo peso davvero contenuto (680 grammi) consente di portarlo con sé dove serve, al mare, in campeggio o nella casa in montagna, senza che questo vada a occupare molto spazio, visto che è anche pieghevole. 

I supporti in gomma per agganciare la forcella posteriore sono provvisti di due anelli elastici (sempre in gomma) che aiutano a tenere stabile la bici una volta appoggiata sul cavalletto.

 

Pro

Qualità/prezzo: Per un costo davvero molto basso si può avere un cavalletto di buona qualità che va a soddisfare diverse esigenze, non ultima quella di dispositivo per il parcheggio.

Regolabile: La possibilità di regolare l’angolazione e la distanza tra i due supporti lo rende adatto alla maggior parte delle biciclette in commercio.

Leggero ma resistente: Il cavalletto è realizzato in acciaio e ha un peso di soli 680 g, quindi è trasportabile senza fare particolare fatica.

 

Contro

Elastici: Qualche perplessità da parte degli utenti riguardo il sistema di aggancio che prevede l’utilizzo di due elastici, che secondo molti sono facilmente deperibili.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon cavalletto manutenzione bici

 

I cavalletti per fare manutenzione alla propria bici sono molto importanti per chi ama fare queste operazioni senza recarsi presso un’officina specializzata. La scelta del migliore cavalletto manutenzione bici potrebbe non essere così semplice. Ci sono infatti alcune caratteristiche distintive che è necessario tenere presente. Se vi state chiedendo dove acquistare il cavalletto, basta cliccare sui link presenti in ogni recensione. Nella nostra guida all’acquisto cerchiamo di valutare tutto ciò che è di basilare importanza per poter scegliere il prodotto migliore.

 

 

Il peso da sostenere

Per prima cosa, quando giunge il momento di scegliere quale cavalletto manutenzione bici comprare è necessario spulciare nelle caratteristiche tecniche il peso che supporta. Infatti la maggior parte dei cavalletti prevede di posizionare la bicicletta a mezz’aria per poter accedere a tutti i componenti senza fatica. 

Sarebbe infatti deleterio vedere crollare il cavalletto perché il peso della propria bicicletta è troppo alto. Ci sono modelli che arrivano a supportare un peso di 20 kg e sono solitamente quelli più venduti. Per chi ha biciclette da trekking o e-bike, che generalmente hanno un peso di circa 30 kg, esistono sul mercato modelli adatti a questi modelli. 

Se si dispone ad esempio di una bicicletta di 23 kg, è sempre meglio indirizzarsi verso cavalletti che sorreggono i 30 kg, senza rischiare con una versione adatta a bici da 20 kg, che probabilmente sorreggerà anche una dal peso poco superiore, ma avrete sempre l’ansia che prima o poi possa cedere.

 

Il morsetto

Uno dei componenti che spesso determina una differenza di prezzo sostanziale tra un modello e un altro è il morsetto, chiamato a volte anche pinza. È questo componente quello deputato ad accogliere il telaio della bicicletta, e su di esso va a posarsi la maggior parte del peso della bici una volta alzata da terra. 

I modelli professionali prevedono morsetti in metallo, in acciaio o in alluminio. I cavalletti per gli “amatori” sono generalmente prodotti in plastica dura ed è quindi prevedibile che siano un po’ più fragili rispetto a quelli professionali. 

Se non sapete come scegliere un buon cavalletto manutenzione bici, è importante anche controllare che l’interno del morsetto sia rivestito di gomma, pena, nel caso mancasse, di probabili graffi sul prezioso telaio della propria bicicletta. 

Se si pensa di fare una manutenzione a tutto tondo coinvolgendo in pratica ruote, freni, catena, carter e via dicendo, è consigliabile optare per i morsetti che ruotano di 360° e che sono in grado di portare addirittura in verticale la bicicletta, per consentire di avere a portata di mano qualsiasi componente. 

Per fare questa operazione di rotazione è importante, tornando al discorso sopra descritto, che il cavalletto sia predisposto a reggere il peso della propria bicicletta.

 

Robusti e stabili

I migliori cavalletti manutenzione bici del 2021 sono quelli robusti e soprattutto stabili. Se il design è pressoché identico per la maggior parte dei modelli, alcuni si differenziano tra di loro per il numero di gambe che poggiano a terra, che possono essere da tre a quattro. 

Non c’è una vera differenza a livello di stabilità e non è detto quindi che un cavalletto a tre gambe sia meno piantato a terra rispetto a uno che ne offre quattro. Importante inoltre  valutare la lunghezza del braccetto che ha come terminale il morsetto. 

Se questo fosse troppo corto potrebbe essere problematico far girare i pedali, e per molte delle operazioni di manutenzione questa procedura è essenziale. Altra caratteristica da valutare in sede d’acquisto è la possibilità di ospitare biciclette secondo la dimensione della ruota, dato espresso in pollici, che è disponibile tra le caratteristiche tecniche. 

Non in ultimo, è meglio indirizzarsi su modelli che consentano regolare in altezza la barra centrale, per poter trovare la giusta posizione della bicicletta in base al tipo di manutenzione che si desidera eseguire.

 

 

Modelli economici

Sul mercato ci sono anche cavalletti dal prezzo irrisorio, che non arriva neanche a 20 euro. Questi modelli sono indicati per chi fa solo piccoli lavoretti di manutenzione, come gonfiare le gomme, o lubrificare la catena. Normalmente non sono molto alti, e quindi qualsiasi lavoro è da eseguire inginocchiati, a meno che si pensi di mettere bicicletta e cavalletto su un tavolo che regga il peso di entrambi. 

Molti di questi modelli dal prezzo basso sono anche utilizzati per avere un oggetto dove posteggiare la bicicletta priva del cavalletto, per non doverla appoggiare contro un muro o altro. Questi oggetti in pratica alzano la ruota posteriore, lasciando ben stabile la bicicletta.

Alcuni utenti li utilizzano anche per fare manutenzione ordinaria o per lavare ad esempio la Mountain Bike dopo un’escursione su strade fangose. Per agevolare la posa della bicicletta, inoltre, questi cavalletti hanno un sistema di aggancio molto rapido.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come costruire un cavalletto manutenzione bici

Se oltre a prediligere il fai da te per la manutenzione della bici, non vi fidate dei vari modelli di cavalletti che sono proposti sul mercato, è possibile realizzare in proprio un modello che sia affine alle proprie esigenze. 

Diciamo subito che per realizzare un cavalletto bisogna sapersi destreggiare tra saldatrici e flessibili, e avere quantomeno un po’ di dimestichezza con il disegno tecnico, per ottenere le giuste misure su vari tubi da assemblare.  

Si può optare per il tipo di materiale che si predilige: alluminio, metallo, acciaio e perché no, anche legno! Probabilmente la parte più difficile da realizzare riguarda il morsetto, sempre che anche questo componente lo vogliate creare da zero, visto che comunque ne esistono di tutte le misure e fattezze pronti per l’uso. 

Per fortuna, come spesso accade, sul web si trovano tutorial che spiegano passo a passo come realizzare un cavalletto per la manutenzione della bici. Il costo totale però potrebbe essere al pari o anche superiore di un modello di medio valore, già pronto per essere utilizzato. Di certo però la soddisfazione di averne uno creato in proprio non ha paragoni.

 

 

 

Come utilizzare un cavalletto manutenzione bici

 

Una volta scelto il cavalletto per la manutenzione della propria bici, giunge il momento di utilizzarlo per fare la manutenzione. Il modello acquistato arriva in genere smontato e quindi è da assemblare. Sperando che siano presenti le istruzioni e che queste siano ben dettagliate, il primo consiglio è quello di avvitare per bene viti e bulloni, magari aiutandosi con un avvitatore, anche se nella dotazione sono di norma offerte le brugole, adatte a fissare le varie parti del cavalletto.

 

 

La giusta posizione

Un occhio di riguardo deve essere dato alle gambe che poggiano a terra e al morsetto, che sono due delle parti più importanti del cavalletto. Ora arriva il momento di posizionare la bicicletta. 

Per prima cosa, è meglio scegliere una zona, dove collocare il cavalletto, che sia perfettamente piana, per fare in modo che le gambe poggino all’unisono sulla superficie. Se si nota che una gamba rimane leggermente alzata, è meglio spostare il cavalletto in una zona più consona. 

Se si dispone di un modello con il piantone centrale regolabile in altezza, è bene portarlo nella posizione più bassa. A questo punto è necessario allentare il morsetto per poter inserire il tubo del telaio. Teoricamente, anche con il morsetto allentato, il cavalletto dovrebbe sorreggere la bicicletta, soprattutto se il peso è ben distribuito sia nella parte anteriore sia nella parte superiore.

 

Farsi aiutare quando è possibile

Se si dispone di una bicicletta pesante potrebbe essere consigliabile farsi aiutare da una seconda persona. Stretto il morsetto (il meglio possibile) si può alzare la barra centrale e portare la bicicletta all’altezza desiderata. 

I modelli con morsetto che si ruota possono, come detto, portare la bicicletta in posizione verticale. Anche in questo caso, per non incorrere in qualche inconveniente, se è possibile, e meglio farsi aiutare da qualcuno. 

Per togliere la bicicletta dal cavalletto bisogna fare le operazioni inverse: abbassare la piantana, allentare il morsetto e solo allora spostare la bicicletta dal cavalletto al terreno. Alcuni utenti preferiscono tenere il mezzo in questa posizione per tutto il periodo in cui non la utilizzano. È una buona idea anche per poterla pulire di tanto in tanto, se la si lascia appesa per molti mesi. In questo caso è consigliabile comunque coprirla con un telo.

 

 

Apri e chiudi

Molti cavalletti si possono richiudere ovvero le gambe possono essere portate in verticale. Questa caratteristica è molto comoda se non si ha molto spazio per tenere sempre aperto il cavalletto e quindi bisogna riporlo in un angolo del garage o in un armadio. 

Tale operazione è di norma molto semplice da eseguire: i cavalletti con gambe ripiegabili, nella maggior parte dei casi, hanno dei bulloni che si devono allentare per poter eseguire tale manovra. È chiaramente consigliabile avvitarli per bene quando, al contrario, si aprono le gambe per utilizzare il cavalletto in abbinamento all’ amata bicicletta.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI