Le migliori bici da corsa

 

Bici da corsa – Guida all’acquisto, Opinioni e Confronti del 2019

 

Gli amanti della bici ben sanno che per i modelli da corsa le cifre tendono spesso a lievitare. A fronte di specifiche quali materiali leggeri e molto resistenti, nelle righe che seguono cerchiamo di fare il punto sulla situazione, in modo da aiutare gli utenti a capire quale bici da corsa comprare. Al termine dell’analisi sono inclusi anche link su dove acquistare, mentre nella tabella comparativa sono presi in esame modelli differenti, con una comparazione che ben si adatta a fasce di prezzo variabili e in cui non mancano le offerte. Savadeck – Herd 6.0 700C è completamente in carbonio, con una struttura aerodinamica che gioca e sfrutta al meglio la forma triangolare del telaio. Sava – 700C Fibra Di Carbonio, grazie al telaio Toray T800 in fibra di carbonio si mantiene leggera e con un’ottima tenuta stradale, puntando anche su un cambio Shimano a 22 velocità, per una capacità e un controllo che non perde un colpo.

 

Opinione sulle migliori bici da corsa

 

Per chi desidera qualcosa di più impegnativo di una pedalata in campagna quando arriva la primavera, l’acquisto imprescindibile è quello di una bicicletta da corsa. Vista la ricca offerta del mercato, abbiamo pensato di farvi cosa gradita raccogliendo i cinque modelli più interessanti, in particolare per quanto riguarda il rapporto tra prezzo e qualità generale.

 

Prodotti raccomandati

 

Savadeck – Herd 6.0 700C

 

Gran parte dei componenti sono realizzati in fibra di carbonio, dalla forcella, alla struttura delle ruote. Il peso si mantiene entro un range di 8 chili.

L’efficienza aerodinamica è confermata da più parti, specie se si guarda la struttura triangolare del telaio, così da mantenere un controllo e un assetto il più centrato possibile.

Il cambio Shimano 5800 permette poi di attraversare in lungo e in largo la città e il percorso che si sta affrontando, con una comodità del sellino che nasce dal connubio con un’eccellenza italiana Fi’zi: k.

Il montaggio poi richiede poco tempo, puntando al massimo su una tenuta in strada e performance eccellenti. Poco da dire anche sul rapporto tra spesa e risultati in strada; in molti confermano le doti del mezzo, leggerezza e controllo uniche per un modello dal look aggressivo che si ritrova anche su strada.

 

Pro

Materiali: Gran parte della struttura è composta di carbonio, una lega resistente che mantiene la bici leggera, senza nulla togliere alla resistenza del supporto. La scelta del cambio a 22 velocità è un indicatore ulteriore della bontà della casa produttrice.

Struttura: Grazie a un telaio dalla forma triangolare, la bici conserva una linea aerodinamica funzionale e tipica di un mezzo da corsa, con i manubri capaci di offrire un buon grip nel corso di tutta la pedalata.

Rapporti: Sfruttando la bontà del cambio Shimano 105 5800 a ventidue velocità non resta che l’imbarazzo della scelta per chi desidera regolare e adattare al meglio l’assetto della bici.

 

Contro

Taglia: Diverse persone suggeriscono di prestare attenzione alla misura scelta. Prendetevi quindi del tempo per capire al meglio la giusta taglia, così da evitare problemi una volta ricevuta la bici.

 

 

 

 

Sava – 700C Fibra Di Carbonio

 

Sfruttando il telaio in fibra di carbonio, il marchio Sava realizza un modello di bici da corsa in cui la leggerezza si sposa con una buona qualità delle parti.

Tra le diverse leghe, il carbonio ormai occupa da tempo i primi posti della classifica ideale su come scegliere la migliore bici da corsa. Il design che la caratterizza crea un attrito minore rispetto al vento, una scelta che possiede una ricaduta nel momento in cui si vuole sfruttare al meglio una discesa o un tratto di strada favorevole allo scatto.

Il gruppo frenante posizionato nella zona anteriore e in quella posteriore aiutano a gestire gli spostamenti e l’arresto in modo regolare e con il massimo in quanto a sicurezza. Buona la tenuta dei pneumatici Michelin, così come la comodità del sellino, anche dopo un giro di qualche ora.

 

Pro

Stile: Grazie a un design innovativo che punta su aerodinamicità e tenuta in strada, la bici Sava si adatta al meglio a un terreno su cui gestire al meglio velocità, senza per questo perdere nel pieno controllo del mezzo.

Cambio: La scelta del marchio Shimano non è inusuale, ma offre la migliore gestione dei rapporti e della velocità, con ben ventidue marce tra cui poter spostarsi.

Materiali: Il carbonio e la tipologia dei freni a doppia V, permettono di avere una bici leggera, che quindi si adatta come un guanto al ciclista e risponde prontamente alle varie sollecitazioni.

 

Contro

Costo: Il prezzo finale potrebbe allontanare quegli utenti che cercano una buona bici da corsa, senza però dover spendere una cifra superiore ai mille euro.

 

 

 

 

Atala – SLR 070

 

Cambio Shimano a sette velocità, per una bici che punta all’eccellenza del marchio Giapponese unendo la bontà della tradizione Italiana. La bici possiede un telaio da 28 pollici, con una struttura in alluminio racing.

Gran parte dei vari componenti è in alluminio, una scelta che ha permesso di mantenere il costo di vendita entro un range moderato, perfetto per chi ama i prezzi bassi quando si parla di bici da corsa.

Il peso complessivo raggiunge i 12 chili, con un look che punta su un giallo vivo, una soluzione adatta a chi usa la bici di notte e non vuole passare inosservato.

In tanti hanno voluto dare fiducia a questa bici, non avendo esigenze particolari riguardo un oggetto che ben si adatta a un ciclista amatoriale ma che sa regalare qualche soddisfazione anche ai più rodati.

 

Pro

Rapporto spesa/risultati: Da quanto visto nelle recensioni e dai pareri di chi l’ha acquistata, la bici Atala si configura come un compromesso adatto a chi non vuole spendere grosse cifre con un livello medio più che soddisfacente.

Materiali: L’alluminio la fa da padrone in questa bici, con un supporto adatto a chi si muove in città senza rinunciare all’agilità e alla tenuta in strada.

Cambio: Il marchio Italiano ha puntano su un cambio Shimano a sette velocità. La scelta si è rivelata fruttuosa, con un buon supporto alla pedalata, anche nei momenti di maggiore sforzo.

 

Contro

Sellino: Diverse persone avrebbero gradito una migliore comodità della seduta, specie per chi passa lungo tempo in bici.

 

 

 

 

Helliot Bikes – Sport 02

 

Tra le bici di fascia media la bici Helliot Bikes si distingue per un prezzo accattivante, capace di tenere testa ad altre tipologie più rodate, con uno stile e un look che non passano di certo inosservati. Le ruote da 28 pollici si muovono bene in strada, assecondando le diverse manovre, forti anche del supporto di un cambio Shimano a 21 marce.

Il montaggio procede senza difficoltà, con una buon rapporto anche con i freni meccanici a disco che si occupano di bloccare la bicicletta in tempi rapidi e con una tenuta in strada che lascia soddisfatti, al termine della pedalata.

La conformazione della bici si adatta al meglio per quegli utenti che non superano la statura di 1,85 metri, mantenendo una buona aerodinamicità e un grip adeguato sulle maniglie.

 

Pro

Design: Le diverse colorazioni disponibili e uno stile adatto ai ciclisti che amano la velocità e un prezzo concorrenziale, lavorano insieme per offrire una soluzione interessante alla portata di tutti.

Cambio: Il sistema proposto da Shimano consente di variare al meglio la velocità, con un buon numero di rapporti, da scegliere all’occorrenza e secondo il bisogno del momento.

Telaio: La bici possiede una struttura rinforzata adatta a tenere bene la strada, con una corretta ammortizzazione che ben si adatta al tipo di manto stradale su cui si sta procedendo.

 

Contro

Stile sellino: La seduta della bici è la nota dolente, con alcuni utenti che avrebbero gradito una maggior morbidezza del tutto, specie dopo lunghe pedalate.

 

 

 

 

Bianchi – Infinito CV Shimano Ultegra

 

Ricerca ed eccellenza italiana si fondono in un unico stile nel modello Infinito CV, creando la migliore bici da corsa per chi vuole ridurre al minimo le possibili vibrazioni che si creano naturalmente sul manto stradale. Il materiale viscoelastico Countervail infatti si occupa di distribuire le vibrazioni migliorando la qualità e la precisione della guida.

Il cambio Shimano Ultegra ST-R8000, permette poi di avere un set di marce e rapporti in cui la varietà si sposa alla perfezione con la leggerezza e la scalabilità.

La progettazione e l’eccellenza dei componenti lanciano la bici verso l’Olimpo dei modelli da corsa, con un prezzo che segue di pari passo l’ottima proposta, limitando ai professionisti e agli appassionati l’acquisto di un oggetto simile.

 

Pro

Leggerezza: La bici è realizzata in una lega di carbonio e Countervail, un materiale che offre una sensibile riduzione delle vibrazioni e che trasforma l’esperienza di guida donandole una marcia e una fluidità impareggiabili.

Design: Il marchio Italiano si fa apprezzare dal design accattivante e da uno stile in cui forma e sostanza trovano il top dell’eccellenza.

Cambio: L’ottima scelta di un cambio Shimano Ultegra ST-R8000 raggiunge il connubio perfetto con un telaio in cui carbonio e ricerca scientifica puntano a controllo e tenuta in strada.

 

Contro

Costo: Difficile dire se questa bici sarà tra le più vendute della categoria, la certezza è che si tratta di un modello per pochi, ma che sa ripagare della spesa.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...