Federer e Nadal: storia di amicizia e rivalità

Ultimo aggiornamento: 07.05.21

 

Come spesso accade, è proprio tra i “nemici” più forti che si nasconde un sentimento, che nel caso di Federer e Nadal è di amicizia. Ecco la loro storia fuori e dentro il campo.

 

Forse non tutti sanno che Federer e Nadal hanno vinto insieme più di trenta titoli dello Slam, ovvero le competizioni più importanti del tennis. Insomma, stiamo parlando con due colossi del panorama sportivo, che non passano sicuramente inosservati anche a chi, dello sport, se ne cura poco. Oggigiorno, del resto, basta accendere per un attimo la TV e ascoltare il telegiornale per avere buone possibilità di sentir nominare Nadal o Federer.

Ma scendendo di più nel loro rapporto professionale, si può scoprire anche altro, ossia una grande rivalità (con cui hanno scritto anche pagine di storia) ma anche una particolare amicizia. Loro rappresentano un confronto tra mondi paralleli e al tempo stesso diversi, portati avanti anche dagli schieramenti dei tifosi che, ebbri di emozioni, a ogni partita danno il meglio.

Tutto ciò, ovviamente, che si parli di Roger Federer piuttosto che di Rafael Nadal, alla base non deve passare in sordina il rispetto reciproco che hanno l’uno per l’altro.

Per esempio, lo spagnolo ha voluto specificare, in una delle ultime interviste, come il loro rapporto sia ottimo dentro come fuori dal terreno di gioco:

Siamo buoni colleghi e, anno dopo anno, il nostro rapporto è cresciuto e migliorato, anche se non possiamo definirci migliori amici. Insomma, non gli farei mai sapere che mi fa male una gamba prima di un’importante partita contro di lui!”

Insomma, ma qual è il punto di partenza di questo loro rapporto che appassiona sicuramente tutti i tifosi del mondo e che ha portato molti a prendere in mano la racchetta da tennis? Seguiteci con la lettura per scoprirlo.

L’inizio

Nadal vs Federer rappresenta ormai uno dei dualismi sportivi che sicuramente rimangono fissi nella storia. Ma è bene sapere che non è mai stata solamente una questione di vittorie e di numeri di risultati positivi. Infatti, entrambi hanno dimostrato nel corso del tempo di voler praticare il tennis in maniera personale, diversa dal resto dei loro colleghi.

Per esempio, Federer sembra essere stato quasi predestinato a prendere tra le mani la racchetta e a solcare il terreno rosso. Lui, classe ‘81, è riuscito a diventare già famoso da giovane, grazie alla perfezione tecnica e al suo appeal (come dimenticarsi del codino iniziale?). Insomma, con lui la tecnica e il talento si sono uniti come in un’alchimia quasi perfetta, e grazie alla giusta fisicità, lo hanno reso un ospite assiduo di Wimbledon.

E pensare che, per rispondere a quanti si chiedono qual è l’età di Roger Federer, a oggi ha appena una quarantina di anni.

Dall’altra parte abbiamo invece un ragazzo più giovane, proveniente dalla spagna: l’età di Nadal è di cinque anni in meno del suo rivale e amico. Ma non per questo è meno capace dello svizzero, considerando anche che è vissuto in una famiglia di sportivi puri.

Molti tra voi probabilmente non sanno che suo zio Miguel Angel è stato uno dei campioni della squadra di calcio del Barcellona e della nazionale e che ha giocato fino al 2005.

Rafael avrebbe potuto praticare con successo quasi ogni tipo di sport, sebbene abbia scelto poi di dedicarsi solo al tennis, spinto anche dalla sua famiglia. Una fisicità esplosiva, riflessi da lince e aggressività perfetta sono alcuni degli ingredienti fondamentali del suo successo.

Famosissimi sono i suoi recuperi, effettuati praticamente su quasi ogni tipo di palla, ma non da meno è entrato nella storia anche grazie al suo look a dir poco rivoluzionario.

Un ragazzo molto bravo e un atleta competitivo, che ama e preferisce sempre la terra rossa rispetto ad altri tipi di terreni da gioco.

Rivalità tra Federer e Nadal

Come abbiamo potuto vedere, entrambi appartengono a mondi apparentemente diversi ma complementari, che hanno diviso però l’opinione pubblica, creando tifoserie accese.

L’uno è destrorso, l’altro è mancino; uno è esuberante, mentre l’altro dimostra sempre molta pacatezza. Insomma, sono uno il rovescio della medaglia dell’altro, ed è forse da qui che nasce proprio la rivalità. Se da un lato Federer ha sofferto soprattutto dal punto di vista mentale, Nadal invece dimostra tutt’altro. Del resto, non c’è mai stata alcuna partita in cui entrambi non abbiano comunque combattuto fino all’ultimo.

Qualche esempio? Le sfide Nadal-Federer al Roland Garros oppure le finali a Wimbledon nel 2006 e poi nel 2007 (a oggi le vittorie di Federer a Wimbledon sono otto, contro le due di Nadal, che però ha inanellato qualcosa come tredici vittorie sulla terra rossa del Roland Garros). Nel 2008 poi ci fu un altro confronto epico, in cui lo spagnolo arrivò a sancire e dimostrare la sua crescita tecnica eccezionale, che lo portò a migliorare nella velocità e dell’agilità sul campo.

Come le vittorie di Federer non si riescono a contare solamente su due mani, anche quelle di Nadal non si sprecano. Il risultato è perciò un agonismo sfrenato che porta entrambi a cercare di fare sempre meglio, come con la sfida Federer-Nadal agli Australian Open 2017 e con la semifinale a Wimbledon sempre nel 2017.

Amici e compagni

Insomma, sono passati ormai più di 10 anni dal primo confronto sul campo tra i due che da quel momento si incrociarono ben 39 volte. Dopo diversi anni, ormai cresciuti, rappresentano sempre quel giusto spirito sportivo e agonistico che non deve mai mancare.

Il tempo passa, ma regala anche stupendi rapporti come quello tra Rafael Nadal e Roger Federer, anche per merito dell’esperienza nella Laver Cup, dove i due hanno giocato fianco a fianco per la prima volta, difendendo la faccia del Team Europa.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments