contact
contact

La storia del ciclismo

Ultimo aggiornamento: 26.11.22

 

Andare in bicicletta è una cosa che piace a tutti, ma alcuni preferiscono usare l’auto per spostarsi da un posto all’altro, in particolare quando fa molto caldo fuori. Altri potrebbero non essere in grado di andare in bicicletta perché vivono in una zona in cui questa pratica non è un’opzione: per esempio, coloro che vivono in zone rurali con strade non asfaltate. Tuttavia, con le nuove invenzioni come la bici elettrica e le biciclette più sicure, sempre più persone si rivolgono a questo mezzo come un modo per risparmiare e diventare ecologici.

 

La prima bicicletta inventata

Karl von Drais, un barone tedesco, è ampiamente considerato l’inventore della bicicletta. Nel 1817 realizzò una macchina a due ruote sterzanti: il goffo prototipo in legno da 50 libbre mancava di catene, freni e pedali. Il pilota doveva spingere il telaio in avanti sollevando i piedi da terra. L’invenzione di Drais, Laufmaschine (macchina da corsa), era conosciuta con diversi nomi, tra cui “cavallo da hobby”, “macchina da corsa”, “velocipede” e “draisine”. Sebbene sembri goffa agli occhi moderni, si trattava di una macchina di successo commerciale e modelli a propulsione a pedale di questo tipo erano in uso fino al 1866.

 

Evoluzione della bicicletta

Sterzo, pedali, velocità, pneumatici in gomma e telai in metallo furono aggiunti al design originale delle celerifere nel corso del diciannovesimo secolo. Tuttavia, con l’invenzione della Rover da parte di John Kemp Starley nel 1885, il ciclismo come passatempo, sport e mezzo di trasporto, salì alle stelle. E ancora al giorno d’oggi ci sono diverse competizioni dove puoi fare le scommesse sportive sul tuo ciclista preferito.

 

La Rover, conosciuta anche come Safety Bicycle

La Rover offriva ai motociclisti sicurezza e velocità all’epoca: Starley ha creato una macchina davvero funzionale combinando ed espandendo le innovazioni ciclistiche del diciannovesimo secolo. In effetti, il design di base della bicicletta è cambiato molto poco da allora. L’aggiunta della catena e del cambio è stato il contributo più significativo della Rover al ciclismo. Ciò ha introdotto la pedalata a catena (leva del ciclista integrata) e ha eliminato la necessità di una ruota anteriore sovradimensionata e instabile. Il risultato finale è stata una bici che assomigliava esattamente a quella che guideresti oggi, fino alle gomme gonfiabili di uguali dimensioni, ai pedali fissati al telaio e a quello a doppio diamante. Dopo molti cambiamenti progettuali (e secoli), il ciclismo sportivo è ai massimi storici. Un tour in bicicletta Backroads include bici da strada in titanio ad alte prestazioni progettate su misura, bici da turismo all’avanguardia e bici a pedalata assistita.

Com’è diventato popolare il ciclismo dopo la Seconda guerra mondiale?

Dopo la Seconda guerra mondiale, l’uso della bicicletta è diminuito in alcune parti d’Europa. Per tutta la seconda metà del ventesimo secolo, la maggior parte dei paesi iniziò a concentrare le proprie spese di trasporto sulla costruzione di strade o ferrovie, in particolare durante il periodo della ricostruzione postbellica. Il ciclismo è iniziato a diminuire nei Paesi Bassi negli anni ’60, quando le auto hanno spostato i ciclisti dalle strade.

Gli olandesi avevano uno dei tassi di utilizzo pro capite di biciclette più alti al mondo all’inizio del XX secolo. Nel 1970 era chiaro che gli incidenti automobilistici fossero una delle principali cause di morte per i giovani, con una conseguente ripresa dell’importanza della bicicletta come mezzo di trasporto nei Paesi Bassi. Grandi campagne hanno iniziato a fare pressione sui politici affinché costruissero infrastrutture che separassero i ciclisti dal traffico automobilistico.

Ciò ha portato a uno dei primi masterplan nazionali per il ciclismo, incentrato sullo sviluppo di piste ciclabili nazionali e aree protette. Sono stati inoltre realizzati garage per biciclette, spogliatoi e aree di parcheggio in tutto il paese. La trasformazione e le campagne degli attivisti olandesi, per includere la bicicletta nella pianificazione integrata dei trasporti, sono diventati il modello che da allora altri paesi hanno tentato di replicare, tanto che la bicicletta è ora ampiamente considerata come una delle migliori opzioni di trasporto, o almeno una componente di altre scelte riguardanti i mezzi, per brevi distanze in aree urbane e rurali.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI