contact
contact

NBA: i record “imbattibili” nella storia del gioco

Ultimo aggiornamento: 24.05.24

 

Nel corso della storia della NBA sono numerosi i record stabiliti da alcuni cestisti che, in passato, sono stati in grado di cambiare notevolmente il gioco del basket, grazie a un incredibile valore e a una qualità che, in alcuni casi, risultava decisamente superiore rispetto alla media. L’esempio più importante, in tal senso, può essere rappresentato da un Wilt Chamberlain assolutamente dominante, che ha cambiato la storia del gioco e che, con uno strapotere fisico e tecnico, non ha avuto rivali per un ventennio. Alcuni di questi record sono attualmente pressoché imbattibili, visti i punteggi incredibilmente elevati che richiederanno diversi anni anche solo per essere eguagliati. 

 

I record più difficili da battere in NBA: quali sono?

Quando si parla di record imbattibili non ci si riferisce a punteggi che fisicamente non possono essere superati ma a primati che – per la loro difficoltà e per l’unicità con cui sono stati realizzati – difficilmente possono essere eguagliati e superati in breve tempo. Questa sfida costante rappresenta uno stimolo anche per i giocatori, che amano scommettere a proposito delle prestazioni di alcuni giocatori attuali: infatti, sono tanti i Governi del mondo che reputano il settore dei giochi una vera e propria risorsa, non soltanto dal punto di vista economico ma anche per quanto riguarda il possibile divertimento destinato a un utente. 

 

Record di punti in una partita di Wilt Chamberlain

Il primo tra i record imbattibili che sono stati realizzati nella storia della NBA è, naturalmente, quello di Wilt Chamberlain. Nella sua storia, il cestista americano è stato il più dominante di sempre rispetto agli avversari, grazie a uno strapotere fisico e tecnico che gli ha permesso di giocare esattamente come meglio credesse: quando gli fu contestato che non giocava troppo per la squadra, ad esempio, decise di dedicarsi agli assist, diventando leader anche in quel settore. Naturalmente, il record più incredibile di sempre è quello dei suoi 100 punti in una sola partita, contro i New York Knicks, realizzato il 2 marzo del 1962, in regular season. 

 

Record di stoppate in una partita di Elmore Smith/Wilt Chamberlain

Wilt Chamberlain condivide, con Elmore Smith, anche un altro incredibile record, riguardante le stoppate. Di stoppatori ce ne sono stati tantissimi nella storia della NBA ma entrambi riuscirono a realizzare ben 17 stoppate in una sola partita, con Smith che detiene il record trattandosi dell’unico dato ufficiale, risalente al 28 ottobre 1973, nella sfida contro i Portland Trail Blazers. 

Record di punti da tre in una partita di Klay Thompson

Un record piuttosto recente è quello di Klay Thompson, in grado di siglare ben 14 tiri da tre punti nella sfida tra i Golden State Warriors e i Chicago Bulls, il 29 ottobre del 2018; il tiratore da tre per eccellenza degli Splash Brothers provò 24 tiri da tre nella partita in questione, riuscendo a realizzarne 14, un dato assolutamente disumano che faticherà a essere battuto per anni, nonostante una tendenza al tiro da tre sempre più diffusa nella NBA moderna. 

 

Record di assist di John Stockton

Nel guardare ai punti realizzati da un cestista, spesso ci si dimentica di quanto importanti siano gli assist nella carriera di un giocatore di pallacanestro. Il record di John Stockton, che ha realizzato ben 15806 assist nella sua carriera, appare assolutamente imbattibile, sia per un assistman puro come Jason Kiss, che si è fermato a poco più di 12mila, sia per CP3 (Chris Paul), che si ferma a 11283. 

Media di punti in una stagione di Wilt Chamberlain

Ultimo dato da considerare come assolutamente imbattibile è sicuramente quello di, ancora una volta, Wilt Chamberlain, che nella stagione 1961-1962 riuscì a mantenere una media di ben 50,4 punti. Un dato assolutamente insensato che, nella storia del basket, non riuscirà mai a essere eguagliato. 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI