Allenarsi a casa

Ultimo aggiornamento: 14.11.19

 

Come effettuare un workout efficace tra le mura domestiche usando i giusti attrezzi ginnici.

 

Lavorando la maggior parte della giornata, le persone non hanno spesso voglia e tempo di recarsi in palestra per tenersi in allenamento o magari perdere qualche chilo in eccesso messo su durante la stagione invernale quando festività come il Natale ci portano a mangiare un po’ di più. Come fare dunque se la pigrizia ci attanaglia? La soluzione potrebbe essere quella di allenarsi tra le mura casalinghe allestendo un piccolo angolo palestra dove effettuare esercizi a corpo libero o, se avete abbastanza spazio, con qualche attrezzo.

La comodità di fare esercizio in casa è notevole, tuttavia bisogna seguire comunque un piano e studiare bene i movimenti prima di eseguirli per evitare danni alle articolazioni, muscoli o alle ossa. Valutate quindi sempre un periodo di prova in palestra per capire quali siano gli esercizi più adatti alle vostre esigenze, replicandoli poi in un secondo momento a casa.

Se vi state chiedendo quanto tempo dovreste dedicare all’esercizio fisico, la risposta è: dipende. Se non fate palestra da molto tempo dovreste iniziare lentamente, magari dedicando una mezz’ora al giorno ad attività semplici come lo stretching, passando poi lentamente a flessioni, addominali, affondi, squat, tutti esercizi a corpo libero e che non richiedono qualsivoglia tipo di attrezzi. Non sarebbe comunque male procurarsi dei piccoli manubri, anche molto semplici e dal peso di circa 2 kg per iniziare ad allenare lentamente i muscoli delle braccia e un tappetino morbido da yoga per evitare di doversi stendere sul pavimento che potrebbe essere troppo duro per la vostra schiena.

Saprete se l’allenamento sta dando i suoi frutti quando inizierete ad avvertire un senso di fatica fin dall’inizio. Se per esempio eseguite venti flessioni di fila e le vostre braccia non ne risentono probabilmente siete troppo allenati per eseguire serie così brevi e dovrete quindi aumentarne la quantità affinché il corpo inizi a faticare davvero. Stesso discorso vale per il sollevamento dei pesi, se riuscite senza fatica a eseguire delle serie con i pesi da 2 kg, dovrete iniziare a usare i manubri da 4 e lentamente aumentare man mano che il corpo si abitua.

 

Dimagrire allenandosi

Per chi ha necessità di dimagrire il discorso è un po’ diverso poiché il solo esercizio fisico mirato per il potenziamento muscolare non basta ed è necessario effettuare allenamenti cardio, ovvero che stimolano il sistema cardiovascolare. L’attività aerobica è quella più indicata ma se non volete uscire di casa per correre o semplicemente non potete poiché vivete in città e lo smog potrebbe arrecarvi danno, dovrete puntare sugli attrezzi da palestra come il tapis roulant o lo stepper.

 

 

Il primo prodotto è forse tra i più conosciuti poiché consente di correre sul posto eliminando la necessità di un tracciato da seguire. Certo, si tratta di un allenamento noioso a meno che non abbiate una forza di volontà ferrea, per questo avrete anche un’altra opzione, l’utilizzo di un ottimo stepper.

 

Cos’è uno stepper?

Per chi non avesse mai visto o sentito nominare questo attrezzo ginnico, decisamente meno famoso del tapis roulant ma egualmente utile, si tratta di una macchina leggermente meno ingombrante, con due pedali su cui appoggiare i piedi e spesso anche un manubrio. Salendo sullo stepper si può simulare una camminata senza toccare davvero il pavimento, rivelandosi quindi molto utile per allenare glutei, gambe e cosce. Muovendo i piedi sui pedali i pistoni si alzano e si abbassano creando una resistenza che fa lavorare i muscoli, tale resistenza può essere impostata su vari livelli, necessitando quindi più o meno forza durante l’esercizio.

Gli stepper in vendita sul mercato sono svariati e potete trovarne di molto economici o più costosi con accessori aggiuntivi come lo schermo LCD che tiene sotto controllo i vostri valori come il battito cardiaco e le calorie consumate.

Anche le dimensioni giocano un ruolo fondamentale, di norma sono più piccoli dei tapis roulant ma per chi ha davvero poco spazio sono disponibili anche in formato mini, costituiti unicamente dalla base con i pedali. Qualora acquistiate questi ultimi, però, sarà necessario prendere le precauzioni del caso per evitare di perdere l’equilibrio, eseguendo l’esercizio nei pressi di una parete di casa in modo da restare sempre ben saldi sullo stepper.

Non dimenticate che è necessario acquistare lo stepper anche in base ad altri fattori, primo tra tutti la portata massima dell’attrezzo. Confrontate il valore indicato dal produttore con il vostro peso, se rientrate nel peso consigliato allora potrete procedere all’acquisto ma se andate oltre, anche solo di poco, consigliamo di optare per un attrezzo più resistente, eviterete in questo modo incidenti pericolosi che potrebbero non solo rompere il dispositivo ma anche ferirvi.

 

 

Differenze tra stepper e step

Lo stepper non va confuso con lo step, si tratta infatti di due attrezzi diversi, il primo, come abbiamo evidenziato precedentemente ha un sistema di pistoni idraulici che creano resistenza mentre si muovono i piedi sui pedali mentre il secondo è un semplice gradino che può essere di diversi materiali e va semplicemente posizionato davanti a sé mentre si eseguono esercizi di vario tipo, salendo e scendendo dal gradino.

In realtà lo scopo è lo stesso, servono entrambi ad allenare glutei e muscoli della parte inferiore del corpo tuttavia il primo si rivela molto più efficace mentre lo step ha un costo inferiore e può essere utilizzato anche se si ha poco spazio in casa poiché è molto semplice da riporre in un armadio o sotto il letto.  

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...