Come e perché utilizzare un cardiofrequenzimetro

Ultimo aggiornamento: 27.01.20

 

Linee guida e consigli per un una corretta fruizione di questo importante supporto per chi si allena con costanza.

 

Il supporto di uno strumento per monitorare e controllare il battito e la frequenza cardiaca, sta diventando una costante per diversi utenti che praticano sport a livello agonistico e amatoriale. Scopriamo insieme di cosa si tratta e come beneficiare delle funzioni e modalità disponibili.

 

Cos’è un cardiofrequenzimetro

L’aspetto ricorda quello di un orologio da polso, con la differenza che il cardiofrequenzimetro ben si adatta a una gestione dei dati legati al numero delle pulsazioni e al battito, aspetti che hanno una ricaduta notevole su chi desidera un prodotto affidabile e una lettura dei dati quanto più corrispondente alla realtà. Un elemento in più che migliora la resa finale è rappresentato poi dalla fascia toracica.

Studiata per non dare problemi durante l’attività fisica, è composta da una serie di sensori studiati per monitorare da vicino il battito e la frequenza cardiaca. Sul mercato possiamo incontrare cardiofrequenzimetri con o senza la fascia toracica.

 

 

Applicazioni e utilizzo

La comodità offerta da questo strumento sta tutta nella gestione pratica delle informazioni e dei dati raccolti, aspetti questi che passano per uno schermo fruibile in maniera adeguata e capace di restituire una lettura altrettanto precisa delle informazioni raccolte. Una volta iniziata una passeggiata o una corsa, il cardiofrequenzimetro inizia da subito a misurare e calcolare il numero dei battiti.

L’utente è in grado di stabilire una soglia massima, ovvero un valore superato il quale si riceve un segnale sonoro che avverte così da rallentare e consentire al cuore di recuperare una frequenza e un ritmo esenti da un problema di sicurezza.

Un sensore posizionato o sul cinturino o nella zona inferiore della cassa, si occupa di monitorare questo parametro, motivo per cui è bene scegliere un prodotto di buona qualità, con una tenuta adeguata e che non perda il segnale. Le applicazioni e i benefici che si possono raccogliere da una lettura corretta infatti sono molteplici.

Per chi desidera mettersi in forma un controllo del battito è in grado di offrire dati e informazioni che possono creare un grafico e uno storico nel tempo. Il cuore di uno sportivo che pratica con continuità un’attività sportiva ha una frequenza cardiaca mediamente più bassa rispetto a chi invece ha scelto una vita più sedentaria.

Iniziando dunque a camminare e, qualora si volesse a correre, si vedranno nel corso delle settimane e dei mesi piccoli ma costanti miglioramenti.

Un controllo medico è poi il requisito imprescindibile per chi ama avere sotto controllo la situazione, godendosi al meglio anche il supporto di uno strumento come il cardiofrequenzimetro. In tanti poi lo utilizzano nella vita di tutti i giorni, riuscendo così a monitorare costantemente questo parametro, per motivi di salute e di sicurezza.

 

 

Comodità e precisione

Sul mercato negli anni sono arrivati modelli differenti e versioni più o meno economiche del cardiofrequenzimetro. I famosi fit watch ne rappresentano volendo una naturale e sportiva evoluzione. Per questo motivo è bene capire quale modello possa fare al caso vostro, scegliendo un oggetto multifunzione oppure puntare su un prodotto pensato e studiato solo per misurare la frequenza cardiaca.

Chi vuole veramente tenere sotto osservazione questo valore, dovrebbe indirizzarsi verso un esemplare dal costo superiore ai 50 euro. Sopra questa cifra infatti si incontrano tipologie e modelli ben progettati e con una resa finale che guarda alla qualità e all’affidabilità della lettura. Molti poi vengono venduti insieme alla fascia toracica, una combinazione interessante che aumenta di molto la capacità di lettura delle informazioni, specie durante una corsa o un’attività sportiva in palestra o all’aperto.

Verificate poi che sia il cardiofrequenzimetro sia la fascia toracica siano comodi e semplici da posizionare, in questo modo non avrete problemi di lettura o una perdita delle informazioni dovuta a una fascia stretta in maniera sbagliata in vita.

Per chi ama poi avere un oggetto multifunzione non mancano cardiofrequenzimetri che propongono anche la lettura dei passi, il tempo di percorrenza o un collegamento tramite cavo mini USB grazie a cui poter scaricare i dati e tutte le informazioni del caso, così da creare un archivio e un profilo personalizzato con uscite e numero di pulsazioni massime e minime. Il ridotto ingombro e la grande varietà di tipologie disponibili è capace di soddisfare palati ed esigenze molto differenti le une dalle altre.

Ciò che conta e che non va sottovalutato è la precisione e l’affidabilità, aspetti che un prodotto di fascia medio/alta è comunque in grado di garantire. Meglio spendere qualcosina in più e avere un oggetto resistente e affidabile.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...